CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 12/A

MANCA Desire' Alma, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione inerente il Programma regionale "Ritornare a Casa".

***************

La sottoscritta,

premesso che:
- la Regione eroga finanziamenti ai comuni per la realizzazione di piani personalizzati che prevedono interventi socio-assistenziali a favore di persone con disabilità grave e gravissima, finalizzati allo sviluppo della piena potenzialità della persona, al sostegno, alle cure familiari ed alla piena integrazione nella società;
- tra questi assume particolare rilevanza il programma "Ritornare a casa", che favorisce la permanenza nel proprio domicilio di persone in situazione di grave e gravissima non autosufficienza, che richiedono un livello assistenziale estremamente elevato;

considerato che tra i destinatari della misura risultano persone che a seguito di una malattia neoplastica si trovano nella fase terminale della vita;

sottolineato che si tratta di interventi indispensabili e di estrema attualità ed urgenza;

tenuto conto che:
- le linee di indirizzo 2019 prevedono una quota di cofinanziamento dei comuni pari al 25 per cento della somma prevista come contributo ordinario, maggiorata rispetto a quella prevista nelle linee di indirizzo del 2018 del 5 per cento;
- le risorse stanziate per i piani 2019 sono in diminuzione rispetto all'anno precedente di 4.744.000 euro;
- le risorse stanziate sul bilancio regionale 2019 sono pari a 30.000.000 euro, di cui sono state liquidate il 90 per cento, pari a 27.000.000 euro,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza della situazione rappresentata e dei disagi dei comuni della Sardegna, che da un lato vedono una diminuzione del contributo regionale e dall'altro un aumento del cofinanziamento, di fatto rendendo difficoltoso se non impossibile l'avvio di nuovi piani personalizzati;
2) quali azioni intendano intraprendere per risolvere la problematica sopraesposta, così da poter fornire un servizio di buon livello e salvaguardare la dignità delle persone interessate.

Cagliari, 8 maggio 2019