CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 159/A

COCCO, con richiesta di risposta scritta, sui ritardi nella consegna di alcuni farmaci salvavita nelle farmacie territoriali di Oristano.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- i farmaci salvavita sono farmaci ritenuti essenziali per assicurare le dovute cure mediche a persone affette da patologie gravi;
- i farmaci salvavita possono essere assunti regolarmente e per tutta la vita dai malati, che li reperiscono tramite le farmacie territoriali, oppure venire impiegati dagli operatori sanitari negli ospedali e nella gestione delle emergenze;
- risultano ormai ricorrenti ritardi nella consegna di alcuni farmaci salvavita nelle farmacie territoriali di Oristano e in altre zone della Sardegna;

considerato che:
- nonostante i diversi solleciti da parte dei pazienti esasperati e preoccupati dall'attesa incomprensibile, a tutt'oggi, non si è avuto alcun riscontro da parte delle farmacie interessate;
- i malati gravi sono costretti ad aspettare, con il rischio di aggravarsi, oppure comprare le confezioni all'estero a prezzi più alti o assumere altri farmaci con minore efficacia;

ritenuto che
- sia necessario garantire la reperibilità dei farmaci salvavita in maniera omogenea e capillare in tutta la regione;
- sia fondamentale che l'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale adotti dei provvedimenti, anche nei confronti delle case farmaceutiche, grossisti e distributori, ai fine di garantire la fornitura dei farmaci in maniera stabile e continua;

accertata l'indisponibilità di alcuni farmaci salvavita nelle farmacie territoriali di Oristano,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza dei fatti sopra esposti;
2) quali siano le motivazioni che impediscono la fornitura di alcuni farmaci salvavita presso le farmacie territoriali di Oristano;
3) quali siano i provvedimenti che si intendono adottare, o far adottare, per porre fine a questa emergenza e scongiurare una situazione che già sta diventando gravissima.

Cagliari, 2 ottobre 2019