CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 16/A

COSSA - MARRAS - SALARIS - SATTA Giovanni Antonio, con richiesta di risposta scritta, sui ritardi nell'approvvigionamento degli ausili e dei presidi indispensabili per la cura ed il trattamento dei pazienti affetti da patologie croniche.

***************

I sottoscritti,

premesso che la legge regionale 27 luglio 2016, n. 17 ha modificato l'assetto istituzionale del Servizio sanitario regionale, istituendo l'Azienda per la tutela della salute;

considerato che l'ATS ha tra le sue funzioni quella di accentramento, per quanto di competenza di tutte le aziende sanitarie della Sardegna, dei processi di aggregazione della domanda di beni e servizi e di approvvigionamento degli stessi;

constatato che dalla nascita dell'ATS si registrano, purtroppo, gravi e pesanti disagi per i pazienti sardi, ed in particolare per quelli che soffrono di patologie croniche che necessitano di farmaci salvavita e ausili per la gestione ed il controllo delle malattie;

tenuto conto che diverse associazioni di pazienti hanno lamentato che la nuova azienda unica non è ancora riuscita a predisporre con puntualità i bandi per la fornitura di ausili medici alle strutture sanitarie ed alle famiglie dei malati;

evidenziato che nei giorni scorsi la madre di una giovane donna, affetta da sclerosi, ha lamentato l'assenza della fornitura di una cannula tracheostomica oramai da due mesi;

rilevato che la prolungata mancata sostituzione dell'ausilio potrebbe far rischiare l'insorgere di gravi infezioni ed aggravare la situazione clinica della giovane allettata,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità per sapere:
1) se siano a conoscenza dei gravi ritardi nella fornitura da parte dell'ATS di ausili medici indispensabili a garantire la dovuta assistenza ai malati affetti da patologie gravi;
2) se non ritengano di dover immediatamente intervenire presso la direzione generale dell'Azienda per la tutela della salute per apprendere i motivi dei gravi disservizi nell'espletamento delle procedure di fornitura di ausili medici, indispensabili per garantire ai malati la loro sopravvivenza;
3) quali iniziative intendano assumere per evitare che l'inefficienza del Servizio sanitario possa vanificare gli sforzi dei familiari e la voglia di vivere dei malati, che sono costretti a lottare ogni giorno con gravi patologie come la sclerosi multipla.

Cagliari, 15 maggio 2019