CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 235/A

CUCCU, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata erogazione dei farmaci alle persone con malattie reumatiche.

***************

La sottoscritta,

premesso che:
- le malattie reumatiche sono disturbi gravi, dolorosi e potenzialmente invalidanti, che possono provocare danni irreversibili sia all'apparato locomotore che agli organi interni;
- la diagnosi precoce e il tempestivo intervento terapeutico riescono a limitare notevolmente e in alcuni casi ad annullare la progressione del danno, migliorando la qualità di vita e la sopravvivenza delle persone colpite;

dato atto che:
- numerosi pazienti non sono riusciti a trovare in Sardegna i farmaci biologici necessari per la loro cura a causa, come parrebbe, di esaurita disponibilità contrattuale nelle more della conclusione delle procedure di gara per l'acquisto;
- si tratta di farmaci che non presentano un farmaco sostitutivo similare (farmaci brand);

considerato che:
- da circa dieci giorni l'Ospedale San Giovanni Paolo II di Olbia non dispone di tali farmaci;
- la mancata erogazione dei farmaci in questione, circa due mesi fa, aveva riguardato anche le ASSL di Cagliari, Carbonia-lglesias, Nuoro, Oristano e la stessa Olbia;
- per ricevere la terapia i pazienti, e non tutti hanno la possibilità economica di farlo, sono costretti a migrare in altre regioni (come la Lombardia), con conseguente incremento della spesa sanitaria, oppure a ricorrere ad altre cure meno efficaci;

rilevato che:
- questa emergenza è stata dettata da un inaccettabile acquisto insufficiente di farmaci rispetto alle richieste, che minaccia la salute di migliaia di persone;
- l'aderenza terapeutica e la continuità del farmaco sono fondamentali per garantire la riduzione di dolori e l'arresto delle deformazioni tipiche delle patologie reumatologiche;
- la sanità non può sopportare simili tagli, che non tutelano il diritto alla salute e alle cure garantiti costituzionalmente,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se non ritengano che l'approvvigionamento dei farmaci debba essere garantito in tutti i periodi dell'anno;
2) quando i farmaci reumatologici saranno nuovamente disponibili;
3) quali atti intendano porre in essere per garantire in futuro il diritto alla cura delle persone con malattie reumatiche senza pericolose interruzioni.

Cagliari, 9 dicembre 2019