CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 236/A

LAI - COCCO con richiesta di risposta scritta, sulla richiesta di deroga ai contributi per il finanziamento delle spese di gestione delle scuole dell'infanzia (legge regionale 25 giugno 1984 n. 31, articolo 3, lettera c), avente ad oggetto "Nuove norme sul diritto allo studio e sull'esercizio delle competenze delegate"). Deliberazione della Giunta regionale n. 20/38 del 19 aprile 2017.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- con la deliberazione della Giunta regionale n. 20/38 del 19 aprile 2017, sono state definite le linee guida per la concessione di contributi per le spese di gestione e funzionamento a favore delle scuole dell'infanzia non statali paritarie;
- i contributi statali in favore delle scuole paritarie, definiti annualmente dal MIUR ed assegnati dagli Uffici scolastici regionali, sono ripartiti fra tutte le scuole funzionanti sul territorio regionale che rispettano determinati parametri;
- nella fattispecie delle scuole paritarie è previsto il requisito minimo di 15 alunni;

rilevato che:
- l'Associazione "Asilo infantile Maria Pia di Savoia", con sede in San Vito (SU) in via Mazzini n. 51, gestisce la scuola dell'infanzia paritaria denominata "Scuola paritaria Maria Pia di Savoia", accreditata al MIUR dal 31 agosto 2001 con codice meccanografico attribuito dall'Ufficio scolastico regionale n. CA1A092006;
- per l'anno scolastico 2019/2020 sono stati iscritti alla scuola dell'infanzia n. 15 alunni che hanno regolarmente assolto al pagamento della retta stabilita;
- la scuola dell'infanzia ha ripreso regolarmente le lezioni il giorno 16 settembre c.a.;
- alla data odierna n. 2 alunni non stanno frequentando le lezioni, pur non avendo provveduto a formale ritiro delle suddette iscrizioni;

considerato che:
- la scuola sopra descritta è stata istituita nel 1934, è la seconda scuola dell'infanzia istituita in Sardegna ed opera da tale data senza soluzione di continuità, vantando 85 anni di attività;
- al pari di quanto avviene in quasi tutti i comuni interni della Sardegna, nel Comune di San Vito è in atto un lento e irrevocabile spopolamento e una preoccupante denatalità;
- nel Comune di San Vito opera la scuola statale dell'infanzia, costituita da n. 2 sezioni che accolgono complessivamente n. 39 alunni con disabilità;

dato atto che:
- la scuola ha iniziato l'anno scolastico in corso in possesso di tutti i requisiti per il riconoscimento dei contributi per le spese di gestione e funzionamento;
- in assenza dei contributi regionali la scuola sarebbe suo malgrado costretta a chiudere l'attività;

tenuto conto che, oltre a privare i genitori della fruizione di un diritto universale garantito, rappresentato dalla possibilità di scelta educativa, l'interruzione dell'attività formativa causerebbe grave pregiudizio agli alunni frequentanti (n. 13) che quasi certamente non potrebbero essere accolti interamente dalla scuola dell'infanzia statale,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere:
1) se sia a conoscenza della situazione descritta;
2) se e quali provvedimenti intenda assumere;
3) se non ritenga opportuno, al fine di salvaguardare l'attività formativa della scuola dell'infanzia paritaria "Maria Pia di Savoia", consentire all'Associazione "Asilo infantile Maria Pia di Savoia", meglio rappresentata in premessa, di beneficiare di una deroga all'accesso ai contributi per il finanziamento delle spese di gestione delle scuole dell'infanzia, anche in assenza del requisito di n. 15 alunni previsto.

Cagliari, 9 dicembre 2019