CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 272/A

COCCO, con richiesta di risposta scritta, sull'esclusione dei corsisti in medicina generale dalla graduatoria unica regionale dei medici di medicina generale per l'anno 2020.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il decreto legge 14 dicembre 2018, n. 135 "Decreto semplificazione" convertito in legge 11 febbraio 2019, n. 12 all'articolo 9 "Disposizioni urgenti in materia di formazione specifica in medicina generale" commi 1, 2, 3, prevede l'inserimento dei corsisti in medicina generale all'interno delle graduatorie regionali dei medici di medicina generale al fine dell'assegnazione degli incarichi convenzionali;
- con determinazione n. 9593 del 23 dicembre 2019 il direttore della Struttura medicina convenzionata dell'ATS Sardegna approva la "Graduatoria unica regionale provvisoria dei medici di medicina generale valevole per l'anno 2020";
- tale determinazione prevede che i medici da incaricare per la medicina generale sono tratti da una graduatoria per titoli, di validità annuale, alla quale si accede solo se in possesso dei requisiti espressamente indicati ai punti a) b) e c) dell'articolo 2 dell'Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale 21 giugno 2018, escludendo, pertanto, i corsisti in medicina generale della regione Sardegna che hanno fatto richiesta di inserimento;

considerato che:
- il "Decreto semplificazione", in relazione alla contingente carenza dei medici di medicina generale, nelle more di una revisione complessiva del relativo sistema di formazione specifica, prevede che i laureati in medicina e chirurgia abilitati all'esercizio professionale ed iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale, possono partecipare all'assegnazione degli incarichi convenzionali;
- con disposizione prot. n. 30101 del 27 dicembre 2018 l'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale ha delegato l'ATS Sardegna all'espletamento delle procedure per la predisposizione delle graduatorie annuali di medicina generale e di pediatria di libera scelta;
- nonostante la carenza dei medici di famiglia stia creando notevoli disagi per i cittadini sardi, che sono spesso costretti a spostarsi in altri comuni per rivolgersi al proprio medico curante, l'ATS Sardegna non ha permesso ai medici corsisti in formazione in medicina generale di accedere alla graduatoria regionale per l'anno 2020;
- l'assegnazione dei corsisti in formazione in medicina generale è, in ogni caso, subordinata rispetto a quella dei medici in possesso del relativo diploma e agli altri medici aventi, a qualsiasi titolo, diritto all'inserimento nella graduatoria regionale, in forza di altra disposizione;

ritenuto necessario:
- porre in essere ogni consentita azione al fine di migliorare la qualità dei servizi sanitari offerti nel sistema sanitario sardo in maniera uniforme e capillare in tutto il territorio regionale;
- sostenere il ruolo dei giovani medici sardi al fine consentire un inserimento lavorativo nella propria regione evitando l'inesorabile emorragia di laureati dalla Sardegna verso altre regioni o all'estero;
- assicurare le opportunità offerte dalla normativa vigente ai corsisti in medicina generale della Sardegna al pari dei colleghi delle altre regioni italiane;

valutate:
- la situazione di disagio per molti cittadini sardi costretti a spostarsi per avere l'assistenza medica di base, ancora più sentito nelle aree interne e con bassa densità abitativa, dovuta alle centinaia di posti vacanti in medicina generale non ancora assegnati;
- la necessità di dover garantire anche ai corsisti in medicina generale sardi la possibilità di inserimento nella graduatorie regionali come previsto dalla normativa nazionale,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se non ritengano opportuno:
consentire anche ai giovani medici sardi, iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale, la possibilità di essere inseriti nella graduatoria unica regionale dei medici di medicina generale per l'anno 2020.

Cagliari, 8 gennaio 2020