CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 277/A

CERA, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata attuazione del protocollo di intesa tra la Regione autonoma della Sardegna e l'Unione dei comuni Alta Marmilla in attuazione della SNAI - Strategia d'Area Alta Marmilla, relativa alla deliberazione della Giunta regionale n. 36/23 del 25 luglio 2017.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la Strategia per le aree interne (SNAI), è individuata dal Governo italiano come progetto cardine nel Piano nazionale di riforma (PNR);
- la SNAI prevede di incrementare l'offerta di servizi pubblici, per garantire i diritti di cittadinanza (precondizioni per lo sviluppo), e di far crescere la domanda di lavoro, l'occupazione e l'utilizzo del capitale territoriale latente (progetti di sviluppo locale);
- il principale obiettivo della SNAI è il contrasto del fenomeno dello spopolamento, ossia l'inversione del trend demografico, sia in termini di numero di residenti sia in termini di composizione per età e natalità;
- la SNAI si pone anche il raggiungimento di obiettivi intermedi, quali:
1) l'aumento del benessere della popolazione locale;
2) l'aumento della domanda locale di lavoro e dell'occupazione;
3) l'aumento del grado di utilizzo del capitale territoriale;
4) la riduzione dei costi sociali della de-antropizzazione, il rafforzamento dei fattori di sviluppo locale.
- la deliberazione della Giunta regionale n. 36/23 del 25 luglio 2017 ha individuato, d'intesa con lo Stato, quale area prototipo per la sperimentazione della Strategia nazionale aree interne, il territorio dell'Alta Marmilla e ha approvato la Strategia dell'Alta Marmilla;
- la strategia d'area si articola in 4 ambiti tematici che prevedono i seguenti interventi di sviluppo:

a) istruzione

1.1

FORM(innov)AZIONE

120.000,00

PO FSE 2014-2020 Azione 10.1.4

1.2

FLIPPED

500.000,00

PO FSE 2014-2020 Azione 10.1.1-10.2.2

1.3

ORIENTANDO

120.000,00

PO FSE 2014-2020 Azione 10.1.6

1.4

Osservatorio per la rilevazione, la prevenzione e la riduzione del disagio e la promozione del benessere scolastico e sociale

50.000,00

Legge di Stabilità

1.5

ISCOL@ 1

2.846.666,67

Risorse regionali del Piano straordinaria di edilizia scolastica ISCOL@

1.6

ISCOL@ 2

3.666.000,00

Risorse regionali del Piano straordinaria di edilizia scolastica ISCOL@

1.7

DENTRO SCUOLA

200.000,00

Legge di stabilità

1.8

CIVIS SCUOLA STAGE

200.000,00

PO FSE 2014-2020 10.1.5

1.9

FUORI SCUOLA

250.000,00

Legge di stabilità

 

Sub-totale Istruzione

7.952.666,67

 

 

b) salute

2.1

Trasformazione dei Poliambulatorio di Ales in Struttura Socio- Sanitaria Intermedia

1.800.000,00

Legge di stabilità e PO FESR 2014-2020 Azione 9.3.8

7.2

Realizzazione di un centro di riferimento per i disturbi del comportamento alimentare da ubicare in strutture di proprie­tà alla ASL di Oristano

1.430.000,00

Legge di stabilità

2.3

Sperimentazione di servizi di telemedicina e servizi erogabili con le tecnologie delle comunicazioni.

560.000,00

Legge di stabilità

 

Sub-totale Salute

3.790.000,00

 

 

c) accessibilità

3.1.

Definizione di sistemi innovativi di gestione della mobilità nell'area pilota.

950.000,00

Legge di stabilità

 

Sub-totale Accessibilità

950.000,00

 

 

 

d) Coesione e competitività

4.2

Le Terre Civiche

470.000,00

PSR 2014-2020 Misura 6.1 (giovani agricoltori) PSR 2014-2020 Misura 7.1 Fornitura di servizi per i comuni aderenti al Parco del Monte Arci (aggiornamento dei piani di Ales, Morgongiori, Pau, Usellus e Villaverde) PSR 2014-2020 Misura 16.8

4.3

La rete commerciale delle produzioni di qualità

213.000,00

PSR 2014-2020 Misura 16.4 Animazione per il contratto di rete PSR 2014-2020 Misura 4.2 (aiuti), Misura 3.2 (promozione prodotti); FSE 2014 - 2020 Azione 10.5 (entrepreneurship and back)

4.4

RUraLAB ecosistema di innovazione rurale

400.000,00

PO FESR 2014-2020 Azione 1.3.2

4.5

Sostegno per la creazione e lo sviluppo di imprese ad alto potenziale di innovazione e creatività negli ambiti di intervento del "RuralLab"

800.000,00

PO FESR 2014-2020 Azione 3.3.1.-3.3.2.-3.4.1.-3.7.1.

4.6

Sperimentazione di un "Sistema" per la valorizzazione e la gestione degli attrattori culturali

250.000,00

PO FESR 2014-2020 Azioni 6.7.1. e 6.7.2

 

Sub-totale Coesione e Competitività

2.333.000,00

 

Totale Strategia Alta Marmilla

 

 

- la strategia complessiva dell'Alta Marmilla prevede investimenti materiali e immateriali per euro 15.025.666,67;
- solamente nel mese di marzo 2019 è stato sottoscritto l'accordo di programma quadro tra lo Stato, la Regione e l'Unione dei comuni Alta Marmilla;
- i ritardi nell'avvio delle iniziative programmate nella Strategia dell'Alta Marmilla hanno amplificato le problematiche oggetto di contrasto nell'area di intervento e stanno causando sfiducia negli amministratori e nel partenariato locale che avevano fortemente creduto nella efficacia e nella rapidità di attuazione dello strumento sperimentale pilota;
- i territori dell'Alta Marmilla hanno condiviso la Strategia nazionale SNAI e hanno promosso in anticipo una programmazione di sviluppo locale rispetto agli altri territori che invece sono stati ammessi a finanziamento attraverso la successiva attuazione della programmazione territoriale; oggi si ritrovano a prendere atto che gli altri territori stanno già attuando gli interventi, mentre la strategia dell'Alta Marmilla ancora non riesce ad essere attivata, nonostante nel mese di ottobre 2019 si sia assunto l'impegno con il Dipartimento delle Politiche di coesione di attivare gli interventi programmati entro l'anno,
 
chiede di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) quali siano i problemi che hanno determinato un ritardo spropositato nella attuazione degli inter¬venti previsti nella Strategia dell'Alta Marmilla deliberata dalla Giunta regionale il 25 luglio 2017;
2) quali azioni intenda intraprendere per dare attuazione agli interventi previsti e ammessi a finanziamento per avviare concretamente una azione finalizzata a contrastare il fenomeno dello spopolamento e ad incrementare il benessere della popolazione locale e la domanda locale di lavoro.

Cagliari, 16 gennaio 2020