CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 292/A

PISCEDDA - GANAU - COMANDINI - CORRIAS - DERIU - MELONI - MORICONI - PIANO, con richiesta di risposta scritta, inerente alle evidenti difficoltà patite dagli edicolanti in Sardegna.

***************

I sottoscritti,

premesso e considerato che l'edicola rappresenta ancora nei nostri centri urbani, in particolar modo quelli più piccoli, uno dei pilastri della vita civile, insieme all'ufficio postale, alla caserma dei Carabinieri e alla chiesa, ed è rappresentativa, quale presidio dell'informazione; la popolazione, sempre più anziana, non ha facile accesso a Internet; da qualche tempo, in Sardegna, assistiamo inesorabilmente alla crisi delle edicole, soprattutto quelle storiche, in tutte le nostre città, come accaduto a Cagliari, Sassari, Oristano, Olbia ed in generale in ogni realtà, dovuta:
- alle difficoltà economiche degli edicolanti a causa del crollo costante delle vendite di quotidiani e riviste registrato negli ultimi anni;
- all'avvento di una concorrenza "sleale" del formato online che si propone con prezzi enormemente più bassi rispetto a quelli in formato cartaceo;
- alla crisi economica generale che ha devastato anche questo settore;
- alla materiale ed oggettiva difficoltà di poter trasformare la realtà commerciale su "strada" in altra tipologia economica determinando sempre più spesso un evidente degrado urbano quando la stessa viene chiusa ed abbandonata da tutti;

tenuto conto che i titolari delle edicole, circa 900 in tutta la nostra regione, sono obbligati a chiudere, o, quando possibile, a cedere le stesse, essendo impossibilitati a proseguire con la loro pluriennale attività a causa delle motivazioni esposte,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio per sapere :
1) se sia a conoscenza del problema esposto nella presente interrogazione;
2) se intenda effettuare uno studio, tramite il suo assessorato, che metta luce sulle principali cause inerenti alla crisi degli edicolanti in Sardegna;
3) se, in che modo e in quanto tempo, intenda porre in essere azioni utili ad arginare e risolvere il problema della crisi degli edicolanti in Sardegna.

Cagliari, 30 gennaio 2020