CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 294/A

COMANDINI - GANAU - CORRIAS - DERIU - MELONI - MORICONI - PIANO - PISCEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata applicazione della legge regionale 23 dicembre 2019, n. 24 (Norme per l'attivazione di un piano straordinario per il disbrigo delle pratiche arretrate relative a premi, contributi ed erogazioni di qualsiasi natura nel settore agricolo).

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- l'Assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale nelle attività di propria competenza viene supportato dalle Agenzie AGRIS - Innovazione e ricerca, ARGEA Finanziamenti e LAORE - Assistenza tecnica;
- la legge regionale 23 dicembre 2019, n. 24, all'articolo 1, comma 3, dispone l'istituzione di un'apposita unità di progetto, ai sensi dell'articolo 26 della legge regionale n. 31 del 1998 (Disciplina del personale regionale e dell'organizzazione degli uffici della Regione);

visto il considerevole numero di pratiche arretrate che gravano soprattutto sulle agenzie ARGEA e LAORE, si è reso necessario legiferare in merito per istituire la suddetta unità di progetto;

considerato che ad oggi non risultano impegnate le somme destinate al personale, al quale verrà corrisposto lo straordinario o un premio incentivante per la plusvalenza del lavoro da svolgere; il Piano straordinario previsto dalla legge è ancora da sviluppare e l'unità di progetto deve essere ancora costituita;

sottolineato che chi sta ancora subendo i gravi disagi dei ritardi sono gli operatori agricoli che vedono messa a dura prova la stabilità delle proprie imprese agricole, già in difficoltà per la realtà in cui operano,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore degli affari generali, personale e riforma della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale:
1) per conoscere lo stato di attuazione della legge, la definizione del Piano straordinario, la costituzione dell'Unità di progetto, i tempi, gli obiettivi e le risorse umane e strumentali da impegnare per azzerare le pratiche arretrate;
2)  per chiedere se non ritengano opportuno e doveroso accelerare i tempi così da dare risposte concrete agli agricoltori che aspettano ormai da troppo tempo.

Cagliari, 31 gennaio 2020