CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

PROPOSTA DI LEGGE N. 282

presentata dai Consiglieri regionali
FORMA - COZZOLINO - SABATINI - RUBIU

il 17 novembre 2015

Modifiche alla lettera c), comma 9, dell'articolo 5 della legge regionale 9 marzo 2015, n. 5
(legge finanziaria 2015)

***************

RELAZIONE DEI PROPONENTI

La finanziaria del 2015, nei commi 9 e 10 dell'articolo 5, prevede la revoca dei finanziamenti dei fondi anticipati dalle amministrazioni interessate per realizzare opere delegate per quei comuni che non hanno richiesto il pagamento delle somme finanziate secondo le modalità previste negli atti di finanziamento.

L'articolo 5, il cui dettato prevede la sussistenza di determinate condizioni per l'estinzione dell'obbligazione, alla lettera c) del comma 9, stabilisce che, nel termine dei trecentosessanta giorni precedenti e i novanta successivi all'entrata in vigore della legge, i comuni beneficiari devono far pervenire le relative richieste di pagamento secondo le modalità stabilite negli atti di finanziamento.

L'intervento che si prefigge la presente proposta di legge richiama la necessità, in via del tutto eccezionale, di procedere a una proroga dei termini scaduti nel giugno 2015 sino al 31 dicembre 2015.

Ciò si rende necessario per consentire, soprattutto ai piccoli comuni che non hanno potuto ottemperare, per cause quasi sempre imputabili alla carenza di personale, di scongiurare la perdita dei fondi già utilizzati con gravi ripercussioni sui loro bilanci.

Il testo si compone di 3 articoli: nel primo articolo viene indicato il nuovo termine di scadenza al 31 dicembre, con la modifica della lettera c), comma 9, dell'articolo 5 della legge n. 5 del 2015, nel secondo si specifica la copertura finanziaria e nel terzo l'entrata in vigore.

***************

TESTO DEL PROPONENTE

 

Art. 1
Proroga termini

1. La lettera c), comma 9, dell'articolo 5 della legge regionale 9 marzo 2015, n. 5 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione (legge finanziaria 2015)) è così modificata:
"c) nel periodo compreso tra i trecentosessanta giorni precedenti l'entrata in vigore della presente legge e il 31 dicembre 2015 non siano pervenute da parte degli enti beneficiari richieste di pagamento secondo le modalità stabilite negli atti di finanziamento.".

 

Art. 2
Norma finanziaria

1. Dall'attuazione della presente legge non derivano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale, in quanto nei limiti delle risorse finanziarie già previste a legislazione vigente e stanziate in bilancio.

 

Art. 3
Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna (BURAS).