CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 79/A

INTERPELLANZA LEDDA - ARBAU - AZARA - PERRA sulla grave situazione della scuola di Bono per la mancata istituzione della classe 2a dell'indirizzo ITAFM - Amministrazione, finanza e marketing, della sede associata di Bono dell'IIS di Ozieri.

 ***************

I sottoscritti,

premesso che:
- nonostante le reiterate legittime richieste la Direzione scolastica regionale non ha proceduto ad istituire la classe 2a dell'indirizzo ITAFM - Amministrazione, finanza e marketing della sede associata di Bono dell'IIS di Ozieri, per cui i 12 allievi provenienti dalla classe 1a, all'inizio del corrente anno scolastico, si son visti privati anche materialmente di una sede scolastica in cui frequentare la 2a;
- l'istituto è accorpato, da ormai due anni, per l'indirizzo di liceo scientifico con l'IIS "Antonio Segni" e per gli indirizzi di tecnico commerciale e professionale per l'agricoltura e l'ambiente con l'IIS "Enrico Fermi" di Ozieri;
- gli istituti si trovano a una distanza tale per cui è alquanto difficoltoso il raggiungimento, visti anche i disagi creati dalla precaria rete di trasporti;
- l'IIS di Bono rimane uno dei pochi presidi ancora attivi dello Stato per tentare di fronteggiare il crescente malessere sociale e la dispersione scolastica;
- la classe è composta da 12 allievi, tra cui un alunno in situazione di disabilità certificata ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che garantisce "priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici" e la conseguente certezza per l'alunno, di proseguire il proprio percorso di formazione scolastica;
- la famiglia dell'allievo portatore di handicap si dichiara indisponibile a soluzioni che prevedono il pendolarismo sia per i comprensibili disagi e problemi inerenti il trasporto del proprio figlio, che per l'impossibilità di sostenere gli oneri di un quotidiano andata e ritorno da Bono per centri come Ozieri o Buddusò, distanti circa 40 km;
- tutti gli studenti devono ancora adempiere all'obbligo formativo;
- la circolare ministeriale n. 34 del 1° aprile 2014 dispone che "debba essere riservata particolare attenzione alle condizioni di disagio legate a specifiche situazioni locali. riguardanti i comuni montani";
- il decreto di funzionamento delle classi in deroga (prot. n. 5593) emanato dal Dirigente reggente dott. Sergio Repetto in data 11 luglio 2014, riconosce a Bono lo stato di sede disagiata e l'isolamento geografico e quindi implicitamente riconosce il diritto alla concessione della richiesta di deroga a favore del funzionamento della predetta 2a classe in maniera che i suoi studenti possano concludere il biennio di obbligo formativo;

preso atto che:
- il regolamento recante norme concernenti il riordino degli uffici tecnici emanato con decreto del Presidente della Repubblica del 15 marzo 2010, all'articolo 4, comma 3, prevede che presso gli istituti tecnici per il settore tecnologico venga istituito un ufficio tecnico;
- l'Istituto tecnico agrario nel nuovo ordinamento confluisce nel settore tecnologico - Indirizzo agraria, agroalimentare, agroindustria, e dovrà, pertanto, essere dotato di un ufficio tecnico;
- il responsabile scolastico formulava nell'agosto 2014 una richiesta per la concessione di una unità docente della classe C050 perdente posto, per l'anno scolastico 2014-2015 per l'utilizzazione del medesimo presso il costituendo ufficio tecnico nel suddetto istituto;

considerato che nell'ipotetica circostanza che i 12 studenti iscritti alla 2a venissero trasferiti presso altre istituzioni scolastiche si determinerebbe l'esito paradossale di dover procedere ad un verosimile sdoppiamento di classi vista la presenza di un allievo disabile,

chiedono di interpellare l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport al fine di conoscere se non ritenga:
1) necessario attivarsi presso la Direzione scolastica regionale affinché voglia autorizzare la concessione della classe in oggetto;
2) altresì opportuno sollecitare la concessione in deroga relativa all'istituzione dell'ufficio tecnico nella sede di Ozieri dell'IIS Enrico Fermi.

Cagliari, 17 ottobre 2014