CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 97/A

INTERPELLANZA ZEDDA Alessandra - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - TEDDE - LOCCI - FASOLINO - PERU - RANDAZZO - TOCCO - TUNIS sul Teatro lirico.

 ***************

I sottoscritti,

preso atto che:
- la Regione è socia della Fondazione Teatro lirico di Cagliari unitamente al Comune di Cagliari e al Ministero dei beni e delle attività culturali;
- il teatro di Cagliari è uno dei 14 teatri dello Stato inquadrato come Fondazione lirico sinfonica che ha il compito di promuovere la cultura musicale al massimo livello in primis l'opera lirica, poi i concerti di musica sinfonica, quindi il balletto classico e infine la musica camerale, il Teatro è anche un luogo di produzione di allestimenti scenici;
- la stagione 2014 è stata molto positiva sia sotto il profilo artistico che dal punto di vista dei risultati ottenuti al botteghino, portando ad un risanamento del teatro e della sua immagine;

considerato che:
- oggi il teatro è bloccato nelle sue attività artistiche e gestionali in genere, unico tra tutte le fondazioni a non aver rinominato il sovrintendente in carica;
- è opportuno ricordare che la legge n. 112 del 2013 e il vigente statuto della Fondazione riconoscono quale unico organo di gestione il sovrintendente e ad esso demandano, sulla base di indirizzi di gestione economica e finanziaria del CDI, la predisposizione della programmazione artistica;
- si apprende dalla stampa che il CDI del Teatro lirico, riunitosi venerdì 16 gennaio 2014 ha approvato un bilancio previsionale 2015 con relativa stagione per complessivi 19 milioni di euro;
- tale cifra rappresenta un taglio di oltre 4 milioni rispetto al valore della produzione del 2014, riportando le lancette dell'orologio alla modestissima stagione del 2011;
- ciò quasi certamente procurerà una diminuzione della produzione e del relativo finanziamento ministeriale in quanto i contributi di derivazione MIBACT sono legati - ai sensid ella legge 7 ottobre 2013, n. 112 - alla qualità e alla quantità della produzione;
- in merito all'avviso pubblico per ricoprire il ruolo di sovrintendente, preoccupano il limitato lasso temporale (una settimana) per la presentazione delle domande, il fatto che non sia vincolante essere inseriti nell'elenco citato dal bando ed inoltre che tale bando sia poco chiaro in ordine al soggetto che di fatto nominerà il sovrintendente (in quanto sarà il MIBACT a nominare il sovrintendente e non il CDI come sembrerebbe dallo stesso bando);

ritenuto che:
- tutto ciò sta creando un danno di immagine al teatro che si traduce nel mancato rinnovo degli abbonamenti che nella stagione passata avevano avuto un notevole incremento;
- questa situazione penalizzante finanziariamente per il teatro non consente allo stesso di potersi avvalere di figure altamente professionali, non potendo garantire il rinnovo dei contratti e o la stipulazione di nuovi,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione, la Giunta regionale e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per conoscere:
1) se siano a conoscenza della situazione di criticità sia amministrativa che della produzione del Teatro lirico, di cui alla premessa, come denunciato più volte dai lavoratori e dai rispettivi sindacati;
2) quali siano gli indirizzi che la Regione ha dato al proprio rappresentante, per quanto di propria competenza, sia in ordine alla stagione approvata dal CDI in data 16 gennaio 2015, che per la gestione amministrativo-finanziaria;
3) chi abbia proposto la stessa stagione lirico sinfonica, considerata l'assenza del sovrintendente, in quanto la legge n. 112 del 2013 e il vigente statuto della fondazione riconoscono quale unico organo di gestione il sovrintendente e ad esso demandano, sulla base di indirizzi di gestione economica e finanziaria del CDI;
4) se sarà reintegrata in bilancio la posta del contributo al Teatro lirico per l'annualità 2015 pari ad euro 750.000, così da ripristinare il contributo regionale dell'annualità precedente, pari a euro 6.500.000.

Cagliari, 21 gennaio 2015