CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 118/A

INTERPELLANZA USULA - ZEDDA Paolo Flavio - ANEDDA - CHERCHI Augusto - MANCA Pier Mario - SALE sugli interventi di prevenzione e di contrasto ad eventuali attacchi parassitari alle piante derivanti dall'agente patogeno da quarantena denominato "Xylella fastidiosa".

 ***************

I sottoscritti,

premesso che:
- è stato riscontrato nella Puglia un fenomeno di disseccamento rapido delle piante di ulivo che si manifesta con danni estesi alle chiome e al fusto che determinano un rapida compromissione delle piante, legati ad una forte ed allarmante espansività del fenomeno;
- l'Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia, d'intesa con altri enti ed istituzioni scientifiche, ha effettuato un approfondito monitoraggio del fenomeno e della sua localizzazione, riscontrando attacchi parassitari alle piante, con particolare riferimento al "Rodilegno giallo" (Zeuzera pyrina) e ad un agente patogeno da quarantena denominato "Xylella fastidiosa";

considerato che:
- l'agente patogeno da quarantena è stato inoltre riscontrato, nell'area, anche su piante di mandorlo, oleandro e querce, tutte piante molto diffuse nel territorio sardo;
- la Xylella fastidiosa è un batterio fortemente patogeno inserito nell'elenco A1 della EPPO, l'organizzazione intergovernativa responsabile della cooperazione europea per la salute delle piante, cioè nella lista nera dei batteri da quarantena, necessariamente da isolare a causa della sua portata infettiva e distruttiva;
- l'agente patogeno è presente soprattutto in Asia e in America centrale e del nord dove ha provocato malattie su numerose specie di piante, tra cui vite, agrumi, mandorle e caffè, rappresentando una seria minaccia per le realtà agricole sia in termini del paesaggio e dell'ecosistema che per le gravissime perdite di raccolti;
- le piante ospiti della Xylella fastidiosa possono essere di oltre 150 specie, tra cui coltivazioni di importante interesse agricolo, ambientale e paesaggistico presenti in Sardegna;
- la situazione manifestatasi in Puglia, per la sua estensione, gravità e caratteristiche, rischia di allargarsi fuori dai confini regionali, con conseguenze disastrose in termini ambientali ed economici;
- la Xylella fastidiosa rappresenta attualmente l'organismo nocivo più pericoloso tra quelli a rischio di introduzione nel prossimo futuro e tale preoccupazione risulta particolarmente fondata e reale anche per la sottospecie X. fastidiosa subsp. fastidiosa;
- esiste uno scambio commerciale di materiale vivaistico tra gli operatori pugliesi e sardi che potrebbe facilitare l'ingresso del batterio in Sardegna;

preso atto della grave decisione del Ministro dell'agricoltura francese che ha bloccato l'importazione di centinaia di specialità vegetali provenienti dalla Puglia;

evidenziato che:
- la normativa comunitaria in caso di ritrovamento di agenti patogeni da quarantena impone precise prescrizioni nell'ambito della prevenzione;
- l'Unione europea, già in passato, ha contestato l'inadeguata applicazione delle misure dirette a impedire la diffusione di diversi organismi nocivi, prescritte dalla normativa europea e l'omessa notifica della presenza, o della comparsa, di organismi nocivi sul proprio territorio,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
1) quali misure immediate s'intendano adottare per affiancare le azioni già messe in campo dalla Regione Puglia al fine di evitare il contagio verso la Sardegna;
2) quali interventi di prevenzione e profilassi si intendano porre in atto, al fine di tutelare il patrimonio ambientale e agricolo e preservarlo, quindi, da incalcolabile danno per l'economia della Regione;
3) se non si ritenga opportuna l'attivazione di immediate misure di controllo in tutto il sistema aeroportuale sardo al fine di impedire l'introduzione e diffusione di organismi nocivi e contagiosi;
4) se non si ritenga opportuno porre in atto azioni specifiche di sorveglianza, monitoraggio e controllo di Xylella fastidiosa nonché valutare la predisposizione di uno specifico piano di emergenza.

Cagliari, 10 aprile 2015