CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 127/A

INTERPELLANZA ZEDDA Alessandra - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS sulla situazione logistica degli uffici dell'Amministrazione regionale.

 ***************

I sottoscritti,

preso atto che:
- la Giunta regionale con la deliberazione n. 11/1 del 24 marzo 2015 ha approvato le disposizioni in materia di razionalizzazione dell'assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell'Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale;
- la succitata deliberazione dispone l'immediato trasferimento degli uffici dell'Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale dalla sede di via XXVIII febbraio nei non meglio definiti "locali ubicati lungo la direttrice viale Trieste - viale Trento - Santa Gilla, già in uso da parte dell'Amministrazione regionale;
- la Giunta regionale, con la deliberazione n. 11/1 del 24 marzo 2015, ha altresì deliberato di disporre l'immediato trasferimento, a conclusione dei necessari adeguamenti in corso, degli uffici dell'Assessorato dell'industria in via XXIX novembre ed i conseguenti trasferimenti del Servizio Genio civile in viale Trento e del Servizio Idrografico in via Mameli;

rilevato che:
- in data 13 aprile 2015 cinque sindacati, unitariamente, hanno sollecitato puntuali chiarimenti sulla effettuazione e sulle modalità di esecuzione dei lavori di adeguamento dello stabile di via XXIX novembre a Cagliari, individuato per ospitare i dipendenti dell'Assessorato dell'industria, chiedendo di conoscere se siano state adottate tutte le misure di prevenzione e salvaguardia della salute dei lavoratori, e se gli interventi siano stati eseguiti da ditta abilitata a seguito delle autorizzazioni rilasciate da parte dell'azienda sanitaria competente;
- la Direzione generale enti locali e finanze in data 16 aprile 2015 ha dato avvio alle operazioni di trasloco dettagliando gli spostamenti di diverse strutture regionali, comunicando la conclusione dei lavori di adeguamento dei locali siti nella via XXIX novembre;

considerato che:
- sui locali di via XXIX novembre, individuati per ospitare i dipendenti dell'Assessorato dell'industria, i sindacati dei lavoratori regionali hanno manifestato forti perplessità in termini di prevenzione e salvaguardia della salute dei lavoratori, in particolare per quanto riguarda i materiali presenti nella pavimentazione;
- a fronte di oltre 100 unità di personale dell'Assessorato dell'industria, sembrerebbe siano state individuate soltanto 69 postazioni di lavoro nei locali di via XXIX novembre;

ritenuto che:
- la dislocazione e distribuzione degli uffici regionali dovrebbe rispondere a principi di omogeneità in termini di assessorato di appartenenza, in un'ottica di ottimizzazione funzionale e di contenimento della spesa;
- sia quindi indispensabile approvare un adeguato piano della logistica per garantire soluzioni definitive e valide nel tempo, al fine di evitare inutili, frequenti e repentini trasferimenti di personale da una sede ad un'altra;
- debba essere definito un piano economico quale strumento che consenta di operare scelte ponderate sulla eventualità di acquisire sedi di proprietà regionale piuttosto che locali in locazione a lungo termine, anche a fronte di permute con altri immobili del patrimonio regionale;
- sia indispensabile garantire la massima sicurezza e salubrità dei locali di lavoro;
- i lavorati dell'Assessorato dell'industria devono poter disporre, come tutti gli altri lavoratori regionali, di idonei locali e tutto quanto necessario per lo svolgimento dell'attività lavorativa,

chiedono di interpellare il Presidente dalla Regione e l'Assessore regionale degli enti locali finanze e urbanistica per sapere:
1) se ritengano adeguate le scelte e le azioni poste in essere per la risoluzione delle criticità sopravvenute in alcune sedi regionali;
2) quali parametri oggettivi siano stati utilizzati per determinare le scelte dei locali individuati per ospitare gli assessorati in oggetto e per identificare la miglior soluzione possibile che garantisse equamente economie, rispetto per la salu¬te dei lavoratori e funzionalità delle sedi;
3) quali azioni di razionalizzazione, accorpamento e ottimizzazione logistica delle sedi dell'Amministrazione regionale la Giunta intenda avviare, in considerazione della attuale non funzionale dislocazione degli uffici regionali nell'area di Cagliari;
4) se la Giunta regionale intenda affrontare e risolvere definitivamente il problema relativo alla non funzionale e, conseguentemente, dispendiosa situazione logistica degli assessorati regionali distribuiti nell'area urbana di Cagliari e talvolta non accorpati razionalmente, e se intenda impegnarsi per realizzare la concentrazione di tutti gli uffici regionali di Cagliari nella direttrice viale Trieste - viale Trento - via Santa Gilla, anche a fronte di cessioni, permute e nuove acquisizioni di immobili.

Cagliari, 22 aprile 2015