CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 128/A

INTERPELLANZA PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra sulla rimozione del direttore amministrativo dell'Azienda sanitaria di Nuoro.

 ***************

I sottoscritti,

preso atto che il Commissario straordinario della ASL di Nuoro, con la deliberazione n. 441 del 18 aprile 2015, ha nominato un nuovo direttore amministrativo dell'Azienda sanitaria di Nuoro;

considerato che, con la medesima deliberazione, il commissario straordinario della ASL di Nuoro ha disposto la contestuale risoluzione, con conseguente decadenza, del contratto stipulato con il direttore amministrativo in carica, in ragione del venir meno del rapporto fiduciario;

ritenuto che:
- non siano state debitamente esplicitate le motivazioni che hanno portato il "venir meno del rapporto fiduciario" del direttore amministrativo in carica dell'Azienda sanitaria di Nuoro;
- il direttore amministrativo rimosso dell'Azienda sanitaria di Nuoro abbia diritto a percepire le dovute competenze sino alla scadenza contrattuale;
- tale situazione possa determinare un danno erariale ove si accertasse l'illegittimitą degli atti,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanitą e dell'assistenza sociale per conoscere:
1) quali criteri siano stati utilizzati per la nomina del nuovo direttore amministrativo dell'Azienda sanitaria di Nuoro e, in particolare, quali siano state le disposizioni applicate in base alla "normativa vigente";
2) quali siano, nel concreto, le cause che abbiano determinato il venir meno del rapporto fiduciario con il direttore amministrativo in carica dell'Azienda sanitaria di Nuoro;
3) quali iniziative intendano porre in essere, con estrema urgenza, al fine di evitare che l'amministrazione venga chiamata a rispondere del pagamento degli emolumenti spettanti al direttore amministrativo rimosso, sino alla scadenza contrattuale, onde evitare che si possa determinare un danno erariale.

Cagliari, 23 aprile 2015