CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 198/A

INTERPELLANZA FORMA - COCCO Daniele Secondo - DERIU - GAIA - LAI - PISCEDDA - SABATINI - SOLINAS Antonio - TENDAS - USULA - ZANCHETTA sulla contaminazione da amianto e da altre sostanze inquinanti del sito industriale ex Enichem di Ottana e sulle azioni di carattere ambientale e di sorveglianza sanitaria che gli assessorati competenti intendono intraprendere.

 ***************

I sottoscritti,

premesso che:
- i lavoratori dello stabilimento Anic-Enichem di Ottana (Nuoro), che a partire dalla metà degli anni Settanta ha operato per decenni nel settore delle fibre sintetiche, hanno denunciato la continua esposizione all'amianto sia per contatto diretto che per inalazione della fibra dispersa nell'ambiente di lavoro;
- gli stessi lavoratori denunciano l'urgenza di provvedere alla bonifica del suolo del sito industriale in oggetto e di attenzionare l'area perché interessata da interramenti di sostanze pericolose;

constatato che:
- ai lavoratori del sito di Pisticci (MT), impianto gemello di Ottana nella tecnologia e nella modalità di produzione, è stata riconosciuta l'esposizione all'amianto, la quale ha consentito l'accesso alla sorveglianza sanitaria nonché ai benefici previdenziali correlati;
- contrariamente a quanto avvenuto a Matera, l'INAIL ha respinto le domande di riconoscimento di esposizione all'amianto dei lavoratori dello stabilimento industriale di Ottana, determinando una situazione di grave discriminazione;

considerato che:
- il comma 2 dell'articolo 9 della legge regionale n. 22 del 2005, che detta disposizioni per l'approvazione del Piano regionale dell'amianto, stabilisce che l'Amministrazione regionale assume a proprio carico le spese necessarie per sottoporre gli ex esposti all'amianto al controllo sanitario per la prevenzione delle patologie connesse;
- con deliberazione della Giunta regionale n. 26/29 del 6 luglio 2010 è stato approvato il Protocollo operativo recante "Informazione e assistenza ai soggetti che ritengono di aver avuto una pregressa esposizione lavorativa ad amianto e sorveglianza sanitaria di coloro che vengono valutati come ex esposti";
- il "Piano regionale di protezione, decontaminazione, smaltimento e bonifica dell'ambiente ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto" adottato con deliberazione della Giunta regionale n. 66/29 del 23 dicembre 2015 prevede, fra le altre azioni, l'implementazione del censimento dei siti da bonificare e la sorveglianza sanitaria degli ex esposti oltre all'informazione della popolazione interessata;

atteso che:
- gli scriventi non sono a conoscenza di controlli, studi e indagini effettuati dall'autorità competente al fine di individuare il livello di contaminazione ambientale delle aree del compendio industriale della Sardegna centrale e, nello specifico, del sito ex Enichem di Ottana né di risultati di indagini epidemiologiche volte a valutare l'incidenza di patologie tumorali correlate alla presenza di inquinanti con particolare riferimento all'amianto;
- risulta elevato lo stato di apprensione non solo dei lavoratori del sito industriale di Ottana, ma dell'intera popolazione locale per la prevalenza di patologie correlabili ai contaminanti ambientali e, in particolare, all'amianto,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se il sito Anic-Enichem di Ottana risulti interessato da rischio correlato alla presenza di amianto, posto che il decreto ministeriale n. 101 del 18 marzo 2003 attribuisce alle regioni la competenza per l'individuazione di tali situazioni di rischio;
2) quali iniziative abbiano adottato o intendano adottare per verificare lo stato di salute ambientale e quello della popolazione delle comunità ricadenti nel compendio industriale di Ottana;
3) quali iniziative abbiano adottato o intendano adottare al fine di verificare il reale stato delle bonifiche del sito ex Enichem di Ottana e il livello espositivo eventualmente ancora in atto;
4) quale sia lo stato di attuazione del comma 2, articolo 9, della legge regionale n. 22 del 2005;
5) quali siano le risultanze della sorveglianza sanitaria avviata con il Protocollo operativo di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 26/29 del 6 luglio 2010;
6) se ritengano, a seguito delle denunce e delle osservazioni dei lavoratori ex Enichem di Ottana e dell'Associazione italiana esposti amianto (AIEA), che il Protocollo operativo di sorveglianza sanitaria debba essere modificato o implementato;
7) se ritengano di promuovere campagne di informazione, invitando tutti i lavoratori ex esposti all'amianto ad accedere alla sorveglianza sanitaria e a promuovere una maggiore consapevolezza della diagnosi precoce;
8) se ritengano di esprimere la loro contrarietà riguardo il comportamento discriminante dell'INAIL nei confronti dei lavoratori dell'impianto Anic-Enichem di Ottana.

Cagliari, 5 febbraio 2016