CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 199/A

INTERPELLANZA RUBIU sulla vertenza degli operai del settore edile impegnati nella costruzione degli alloggi AREA nei comuni del Sulcis Iglesiente.

 ***************

Il sottoscritto,

premesso che l'Azienda regionale per l'edilizia abitativa (AREA), istituita con la legge regionale n. 12 del 2006, è un ente pubblico economico dotato di personalità giuridica e autonomia imprenditoriale, gestionale, patrimoniale e contabile; ha un proprio statuto ed è sottoposta a vigilanza della Regione; costituisce lo strumento attraverso cui la Regione risponde alla domanda abitativa di soggetti in condizioni economiche e sociali disagiate;

rilevato che AREA è articolata per distretti territoriali periferici, corrispondenti a ciascuna delle circoscrizioni provinciali, ovvero a più circoscrizioni provinciali in relazione all'entità del patrimonio gestito;

rimarcato che l'ente svolge le seguenti attività: attuazione degli interventi di edilizia residenziale sovvenzionata a totale finanziamento pubblico, da assegnare in locazione a canone sociale alle categorie sociali a minor reddito, mediante programmi di nuova edificazione, di recupero e di acquisto e recupero; promozione di interventi di manutenzione e di recupero del patrimonio edilizio esistente nei centri storici dei comuni da destinare a finalità di edilizia residenziale pubblica; attuazione degli interventi di edilizia residenziale, anche sostenuti da agevolazioni pubbliche, da destinare alla locazione a canone moderato, ovvero alla locazione ed alla successiva vendita, mediante programmi di nuova edificazione, di recupero e di acquisto e recupero; gestione e alienazione del patrimonio di proprietà sulla base della normativa di riferimento e delle direttive della Giunta regionale; gestione del patrimonio abitativo appartenente allo Stato e agli enti locali e ad essa affidato mediante convenzioni; attuazione, per conto proprio oppure di altri enti e soggetti pubblici, di interventi edilizi e urbanistici, anche complessi, compresi i piani di riqualificazione urbana e gli interventi di contenuto innovativo con riferimento alle tecniche costruttive; erogazione, ad enti e soggetti pubblici, di servizi di progettazione, studio, analisi, assistenza tecnica e amministrativa, nel campo dell'edilizia, dell'urbanistica e dei lavori pubblici; promozione o partecipazione, previa autorizzazione della Giunta regionale, a società di scopo per l'esercizio dei compiti istituzionali, fermo restando il ricorso a procedure ad evidenza pubblica secondo la normativa vigente per la scelta dei soci privati anche di minoranza; svolgimento di ogni altra attività, non ricompressa nelle precedenti lettere, già attribuita alla competenza degli IACP;

acclarato che il distretto AREA del Sulcis Iglesiente - con sede a Carbonia - avrebbe dovuto provvedere alla realizzazione di nuovi appartamenti per l'edilizia popolare nei comuni del territorio, con la conseguente assunzione di una cinquantina di operai;

evidenziato che tali provvedimenti sono bloccati a causa della mancata nomina - da parte del commissario della ex Provincia di Carbonia Iglesias - del referente territoriale dell'ente; una situazione di stallo che ha sinora provocato lo slittamento delle assunzioni dei lavoratori per la costruzione di nuovi alloggi;

appreso che le lungaggini dovute alla nomina di un dirigente stanno paralizzando tutte le attività relative ai compiti istituzionali di AREA, bloccando altresì diverse gare d'appalto e i relativi cantieri che porterebbero a nuove assunzioni all'interno dell'ente;

sottolineato che tale situazione ha generato la protesta degli operai senza lavoro, ma anche di una folta schiera di appartenenti al "popolo delle partite iva" e imprenditori, che hanno occupato la sede territoriale di AREA a Carbonia;

osservato che i lavoratori lamentano la mancata applicazione di una promessa fatta quando è stata aperta la gara per la costruzione di oltre quaranta alloggi nei centri del Sulcis Iglesiente;

appurato che la richiesta è volta all'assunzione all'interno dell'impresa che si è aggiudicata i lavori per la costruzione degli appartamenti AREA;

tenuto conto che AREA si occupa, inoltre, anche dell'assegnazione delle case popolari e degli appalti per la manutenzione degli edifici, con una serie di incombenze ad opera delle imprese che si aggiudicano gli appalti;

constatato che senza un dirigente territoriale appare impossibile prendere una decisione relativa all'assegnazione degli appalti per la realizzazione e la manutenzione degli alloggi, con le lungaggini relative all'assunzione degli operai senza lavoro nei diversi cantieri; la Regione, che dovrebbe vigilare sull'efficiente funzionamento dell'ente in argomento, avrebbe il compito di accelerare la nomina di un responsabile per la gestione delle attività nel Sulcis Iglesiente, soprattutto dopo il riordino degli enti locali,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1) quali urgenti iniziative intendano assumere per accelerare la nomina di un dirigente territoriale del Sulcis Iglesiente a capo di AREA Sardegna;
2) se non appaia opportuno un intervento forte e deciso per provvedere alla prevista realizzazione di oltre quaranta alloggi AREA sul territorio del Sulcis Iglesiente, per dare una spinta all'assunzione degli operai all'interno delle imprese impegnate nella costruzione degli alloggi ed ai relativi cantieri;
3) se siano stati avviati dei processi volti ad accelerare l'assunzione degli operai e l'avvio dei lavori per la realizzazione degli appartamenti AREA nei comuni del Sulcis Iglesiente.

Cagliari, 9 febbraio 2016