CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 284/A

INTERPELLANZA RUBIU - OPPI sulla deliberazione n. 10/12 del 21 febbraio 2017 "Agenzia regionale ARGEA Sardegna - Organismo pagatore regionale. Presa d'atto del progetto, approvazione del nuovo statuto e successivi adempimenti necessari" e sull'iter per l'istituzione dell'ente.

 ***************

I sottoscritti,

premesso che:
- con deliberazione n. 10/12 del 21 febbraio 2017, avente per oggetto "Agenzia regionale ARGEA Sardegna - Organismo pagatore regionale. Presa d'atto del progetto, approvazione del nuovo statuto e successivi adempimenti necessari", la Giunta regionale ha approvato gli indirizzi attuativi per la costituzione e il riconoscimento dell'organismo pagatore regionale, dando poi mandato per i successivi passaggi relativi all'istituzione di tale organismo;
- nell'ordinamento regionale occorre modificare lo statuto di Argea Sardegna, adottare una struttura organizzativa coerente con gli obblighi imposti dalla normativa comunitaria, adeguare la dotazione organica del personale (anche prevedendo la descrizione scritta delle mansioni collegate ai diversi ruoli organizzativi), adottare un apposito sistema informativo dell'agenzia che risponda ai requisiti delle norme comunitarie, definire uno specifico piano per la formazione dei dipendenti;
- le procedure previste per il riconoscimento di Argea quale organismo pagatore regionale necessitano di alcuni adempimenti: l'approvazione dello statuto, il via libera a un regolamento interno, un progetto per la struttura organizzativa dell'agenzia con la configurazione della dotazione organica, il reclutamento o l'assegnazione temporanea, secondo le modalità indicate nella deliberazione della Giunta regionale n. 48/8 del 2 ottobre 2015, delle figure professionali necessarie ai fini della certificazione, del riconoscimento e del funzionamento dell'organismo pagatore e il finanziamento per la realizzazione del sistema informativo dell'organismo pagatore;

rimarcato che:
- nei proclami della Giunta regionale si dichiara istituito l'organismo pagatore;
- in realtà la deliberazione in argomento non istituisce nessun ente, ma si limita ad approvare la bozza del nuovo statuto che deve passare al vaglio della commissione per il parere, pertanto non risulta esserci stata nessuna approvazione;
- sono preoccupanti la superficialità e il pressapochismo dell'esecutivo, visto che non si fa riferimento a nessun riscontro oggettivo sulla riorganizzazione della pianta organica, con quale personale, con quali risorse, con quali strumenti informatici verrà attivato tale ente;
- tra gli 11 organismi pagatori regionali in Italia autorizzati, alcuni utilizzano un proprio software, altri utilizzano lo stesso di Agea (nazionale) con tutti i problemi del caso;
- la conclusione dell'iter per l'istituzione dell'ente in questione non è prevedibile nell'arco di meno di due/tre anni, senza considerare il complesso meccanismo organizzativo;

osservato che:
- le forze sociali e sindacali ritengono estremamente negativa l'eventuale ipotesi con un iter complesso e soprattutto contestano la mancanza di concertazione con i lavoratori;
- si evidenzia inoltre la superficialità della proposta: tempi, modi, personale, strumenti e risorse;
- si vuole dare ancora una volta l'illusione al mondo agro pastorale della Sardegna che si possano risolvere tutti i problemi con l'organismo pagatore regionale;
- la procedura autorizzativa è molto complessa, basti pensare che il primo tentativo risale al 2007 e il secondo al 2010; gli obiettivi non sono stati, peraltro, centrati;

sottolineato che:
- sono state segnalate ormai da tempo le difficoltà della programmazione regionale dovuta a un'impostazione macchinosa e incapace di fungere da volano per le imprese agricole; preoccupazioni che si sono purtroppo dimostrate fondate, se ancora oggi permangono complicazioni di vario genere;
- ci sarebbe comunque necessità di costituire un nuovo organismo pagatore regionale per superare tali difficoltà; un contenitore che possa agevolare l'universo delle campagne nell'accesso ai contributi agricoli e nei finanziamenti europei;
- attualmente, in base alla deliberazione in premessa, è stato di fatto messo in piedi un ente fantasma, una scatola vuota che non produce nessun vantaggio per gli operatori agricoli isolani;

appurato che l'agricoltura sarda ha necessità di risposte immediate e chiare rispetto alla fase di crisi attraversata dalle aziende;

appreso, peraltro, che si assiste alla confusione più totale con i progettisti e soprattutto i giovani imprenditori, che non trovano risposte dagli uffici regionali riguardo la predisposizione e la presentazione delle domande relative al PSR;

ritenuto che, dunque, sarebbe auspicabile una procedura più snella anche per l'erogazione dei contributi, senza però illudere gli agricoltori,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale per sapere:
1) se la deliberazione n. 10/12 del 21 febbraio 2017, avente per oggetto "Agenzia regionale ARGEA Sardegna - Organismo pagatore regionale. Presa d'atto del progetto, approvazione del nuovo statuto e successivi adempimenti necessari", possa definirsi istitutiva dell'organismo pagatore regionale;
2) quali soluzioni intenda adottare per la riorganizzazione della pianta organica e con quale personale, con quali risorse, con quali strumenti informatici verrà attivato tale ente;
3) quali concomitanti interventi occorra attivare per procedere nell'iter autorizzativo riguardante l'ente pagatore regionale e i tempi previsti per l'istituzione dell'organismo.

Cagliari, 2 marzo 2017