CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERPELLANZA N. 285/A

INTERPELLANZA RUBIU sul servizio di guida dell'autoemoteca dell'ASL n. 7 di Iglesias Carbonia e sulla mancanza di servizi adeguati sul mezzo.

 ***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- l'autoemoteca aziendale in gestione della ASL n. 7 di Iglesias Carbonia sembra sia condotta, a seconda dei servizi effettuati, da una figura individuata presso il presidio ospedaliero Sirai di Carbonia che, per l'incarico svolto, guida personalmente o si affida a diversi autisti incaricati per lo svolgimento del servizio, con il trasporto verso il sito di effettuazione dei prelievi;
- il servizio di guida dell'autoemoteca viene comunque eseguito in regime di straordinario;
- la preoccupazione è davvero alta, tra i dipendenti, come tra i responsabili delle forze sociali; spesso l'operatore addetto al mezzo parte la mattina prestissimo per iniziare i prelievi alle 8; un servizio fondamentale che potrebbe incepparsi, visto che non pare esserci la dovuta attenzione all'attività svolta;
- sarebbe necessario un atto aziendale per regolamentare il servizio in argomento;

sottolineato che:
- è quantomeno assurdo il fatto che il servizio sia effettuato in via di straordinario; un fattore che appare contrario ai principi di razionalizzazione delle spese; è dunque opportuno evitare i sistemi di assegnazione dell'incarico, con procedure adeguate ed equilibrate - soprattutto dal punto di vista economico - per lo svolgimento del servizio;
- l'agenzia trasporti aziendale che gestisce tutti i servizi, compresa in teoria anche l'autoemoteca, pare non sia a conoscenza dei suddetti fatti;

osservato che:
- lungi dal predisporre una modalità di gestione transitoria del servizio, è necessario garantire - nella guida del mezzo aziendale - una procedura che assicuri la continuità delle attività svolte dall'azienda sanitaria, anche attraverso i prelievi sul territorio, fondamentali per la comunità del Sulcis Iglesiente;
- partendo dal servizio di guida dell'autoemoteca, occorre adeguare il servizio trasfusionale agli standard di qualità e sicurezza;

atteso che:
- sarebbe opportuno conoscere a quale titolo i vertici del Centro trasfusionale della ASL n. 7 affidino l'incarico per il servizio di guida senza seguire i criteri di economicità, efficienza e trasparenza nell'assegnazione delle mansioni in argomento;
- sarebbe opportuno conoscere se l'operatore individuato per la guida dell'autoemoteca abbia qualifiche superiori o differenti rispetto ad altri dipendenti delle sedi ASL di Carbonia e Iglesias;
- è comunque necessario che venga riservato a tutti i dipendenti con la stessa mansione un trattamento equo e non discriminatorio, con la possibilità di essere coinvolti - senza scelte discrezionali e soggettive - in modo paritario nell'espletamento del succitato servizio;
- tale modalità di assegnazione dell'incarico, con una confusione alimentata da informazioni frammentarie, rischia di creare danni consistenti sotto l'aspetto patrimoniale, visto lo svolgimento in via straordinaria del servizio;

appurato che:
- l'autoemoteca in parola è stata inaugurata qualche anno fa, con una spesa di oltre 200 mila euro per all'acquisto del mezzo;
- tale mezzo risulta essere privo dei servizi igienici necessari per medici, infermieri e donatori;
- il tir autoemoteca non appare essere conforme agli standard europei, dunque non idoneo ai prelievi di sangue;
- è quindi necessario fare degli adeguamenti minimi a tale mezzo, possibili anche senza interrompere le attività;

tenuto conto che:
- la ASL dovrebbe vigilare attentamente sull'attività portata avanti dai vertici del Centro trasfusionale per evitare sprechi e carenze, scongiurando altresì la mancanza di qualità e sicurezza a tutela dei donatori;
- è necessario assicurare le migliori condizioni possibili per le donazioni di sangue;
- occorre garantire il minor costo possibile per il trasporto del mezzo ed evitare i suddetti disservizi all'interno dell'autoemoteca; è infatti troppo importante assicurare il sangue a chi ha bisogno in modo continuativo e dare ai donatori la giusta assistenza,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali siano i motivi che hanno indotto il Centro trasfusionale della ASL n. 7 Iglesias e Carbonia ad assegnare il servizio di guida dell'autoemoteca in regime di straordinario, dando così luogo a maggiori spese e senza seguire un criterio di economicità;
2) se l'incarico sia stato assegnato seguendo le legittime procedure amministrative;
3) se non appaia opportuno gestire il servizio con i dovuti sistemi di assegnazione della mansione, senza discriminare il personale in servizio alla ASL n. 7;
4) se non sia necessario adeguare l'autoemoteca con gli standard di qualità e sicurezza, dotandola anche dei servizi igienici indispensabili per il personale medico e infermieristico e per i donatori.

Cagliari, 2 marzo 2017