CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 4/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla decisione di chiudere la Caserma dei carabinieri di Ozieri.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il "Piano Cottarelli", firmato dal commissario nominato dal Presidente del Consiglio dei ministri, nell'ottica di apportare tagli alla spesa pubblica ha previsto, tra le altre cose, la soppressione di 21 presidi dell'Arma dei carabinieri;
- uno dei presidi inserito nella lista nera del commissario, è quello di Ozieri;
- la decisione del Governo nazionale di apportare tagli alla spesa pubblica appare essere assolutamente condivisibile e dovuta, ma esprimendo scelte adeguate rispetto ai settori di intervento;

considerato che:
- la Sardegna è interessata da un'ondata di criminalità crescente e la decisione del Governo nazionale appare in controtendenza rispetto a questa escalation;
- è di questi giorni la notizia di un assalto a un portavalori sulla strada statale 131, nonché attentati dinamitardi a danno di privati;
- la presenza stabile di un presidio dell'arma funge, inevitabilmente, nell'immaginario collettivo, da deterrente rispetto ai fatti di criminalità;
- la chiusura del presidio di Ozieri rappresenterebbe un grande smacco per il territorio già messo in ginocchio dall'incombente crisi e dall'abbassamento vertiginoso dei livelli occupazionali;
- invero, la situazione di crisi alimenta la proliferazione di atti criminali e vandalici e l'assenza di un presidio in loco costituirebbe terreno fertile per l'espandersi del fenomeno;

rilevato che:
- la scelta di intervenire sulla spesa pubblica prevedendo dei tagli alla stessa è assolutamente condivisibile ed auspicabile;
- le scelte devono peraltro essere precedute da valutazioni che determinino l'efficacia delle stesse;
- invero, la scelta di chiudere il presidio di Ozieri potrebbe, inevitabilmente, determinare come contropartita l'aumento della criminalità nel territorio con conseguente necessità di interventi ripristinatori di altra natura e con aumento di costi collaterali,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale degli affari generali, personale e riforma della Regione per sapere:
1) se sia intendimento del Governo regionale interloquire con il Governo nazionale al fine di scongiurare questo ennesimo scippo alla nostra Isola;
2) quali siano le tempistiche per provvedere in tal senso.

Cagliari, 3 aprile 2014