CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 13/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla decisione di sopprimere il servizio di continuità assistenziale diurna presso il presidio sanitario di Ittiri.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la ASL n. 1 di Sassari, con apposita delibera, ha stabilito la soppressione della guardia medica diurna presso l'Ospedale Alivesi di Ittiri;
- tale decisione ha suscitato il malcontento e la preoccupazione sia della popolazione ittirese che dei paesi limitrofi quali Romana, Putifigari, Villanova Monteleone, Usini e Uri;
- la soppressione del servizio di guardia medica diurna avrebbe delle ripercussioni negative sull'efficienza dei servizi resi dalla ASL;
- infatti, la guardia medica da sempre ha svolto una importante funzione di filtro rispetto all'accesso al pronto soccorso sassarese, già ampiamente intasato e con liste d'attesa anche di 5 ore; aggiungasi che moltissimi accessi sono caratterizzati da codici a basso rischio di pericolosità, quali bianco e verde;
- invece, la presenza della guardia medica consentirebbe una funzione di filtro e smistamento, consentendo una valutazione preliminare della gravità dei sintomi lamentati e l'intervento nell'immediato qualora la patologia non necessiti di un intervento specialistico;
- tale funzione di filtro non è sostituibile dalla preziosa attività del medico di base, il quale, vuoi per questione di orario, vuoi per coincidenza con l'attività di ambulatorio, non sempre è in grado di erogare una prestazione richiesta con urgenza, contrariamente alla guardia medica;
- inoltre, la popolazione che afferisce al servizio di guardia medica che si intende sopprimere dal 1° di maggio, è di circa 15.000 persone, ossia un dato numerico non trascurabile;
- inoltre, aggiungasi che la funzione di filtro rispetto al pronto soccorso di Sassari, da parte della guardia medica ittirese, è stata anche messa in risalto nel progetto di riqualificazione che la stessa ASL presentò nel marzo del 2012 e che è tutt'ora in itinere;

rilevato che:
- pur comprendendo le motivazioni di carattere numerico che sono a supporto della scelta della ASL n. 1 di sopprimere il servizio, preme ribadire che, soprattutto in tema di sanità pubblica, non si può ridurre la gestione ad una mera questione di numeri;
- invero, è necessario che i numeri, alla base della scelta dei tagli, siano valutati unitamente ad altri elementi, legati all'organizzazione sanitaria del territorio, che dovrebbero far propendere per scelte di natura diversa,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) siano a conoscenza della decisione della ASL n. 1 di sopprimere il servizio di guardia medica diurna presso il presidio sanitario di Ittiri;
2) sia loro intenzione, anche, alla luce delle motivazioni esposte, intervenire al fine di rettificare questa decisione e scongiurare la soppressione del servizio.

Cagliari, 23 aprile 2014