CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 23/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione dei 12 precari ARPAS i cui contratti a tempo determinato sono cessati il 12 dicembre 2013.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- nel corso del 2010 l'Arpas assumeva con contratto individuale di lavoro a tempo pieno e determinato 12 laureati in varie discipline quali vincitori del Bando Master and back - Avviso pubblico 2009 Percorsi di rientro;
- i contratti degli stessi venivano stipulati per ventiquattro mesi con decorrenza dal 12 giugno 2010 all'11 luglio 2012;

considerato che:
- i contratti in essere sono stati inizialmente prorogati per ulteriori dodici mesi, in forza della legge regionale n. 6 del 2012, nonché per ulteriori sei mesi in forza della legge 24 dicembre 2012, n. 228, come modificata dal decreto legge 21 maggio 2013, n. 54, prorogando di fatto i contratti fino alla data del 31 dicembre 2013;
- il combinato disposto dal comma 529 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, dall'articolo 35 del decreto legislativo n. 165 del 2001 e dall'articolo 5, comma 4-bis del decreto legislativo n. 368 del 2001, ai sensi dell'articolo 5, comma 4-bis, consente alle pubbliche amministrazioni di procedere, con risorse proprie, alla stabilizzazione a domanda del personale interessato, assunto, per assolvere alla carenza di dotazione organica, attraverso il ricorso a procedure a evidenza pubblica;
- come emerge dalle stesse determinazioni dell'Agenzia, a fronte della dotazione organica prevista nella misura complessiva di 572 unità, l'organico in servizio è pari a 347 unità, pari al 61 per cento del fabbisogno di personale;

appurato che il personale in questione svolgeva funzioni essenziali connesse al monitoraggio delle acque superficiali e marino-costiere, alle valutazioni ambientali ed al supporto delle attività formative e che le recenti indicazioni dell'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale impartite dalla direttiva n. 207 del 30 gennaio 2014 autorizzino la prosecuzione dei contratti di lavoro a tempo determinato dei lavoratori operanti presso le aziende sanitarie, Izs e ARPAS;

visto che:
- i 12 lavoratori hanno presentato alla Regione autonoma della Sardegna e all'ARPAS richiesta di stabilizzazione in data 10 marzo 2014;
- in data 4 aprile 2004 l'Istituto zooprofilattico con determinazione n. 398 del 2014 ha provveduto a prorogare per tutto il 2014 i contratti di lavoro a tempo determinato,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
a) se siano stati informati della situazione riguardante i 12 lavoratori sopraccitati e se, nel corso di questi primi mesi di attività della nuova Giunta regionale, siano stati valutati idonei provvedimenti per addivenire a una soluzione che consenta di risolvere rapidamente la situazione;
b) in che modo e con quali risorse umane siano state sviluppate a partire dal 1° gennaio 2014 le attività prima garantite dai 12 laureati sopraccitati e come si pensa di garantirle per il futuro;
c) alla luce del recente quadro normativo nazionale delineatosi in che modo intende procedere a un tempestivo intervento normativo regionale di recepimento delle norme nazionali, atto a garantire la prosecuzione dei rapporti di lavoro nell'ottica di una concreta prospettiva di immissione in ruolo.

Cagliari, 7 maggio 2014