CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 40/A

INTERROGAZIONE AGUS - COCCO Daniele Secondo - PIZZUTO - LAI, con richiesta di risposta scritta, in merito all'intervista rilasciata al quotidiano "L'Unione Sarda", in data 16 maggio 2014, dal componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione del Teatro lirico di Cagliari nominato dalla Giunta regionale.

***************

I sottoscritti,

considerato che:
- il decreto legislativo 29 giugno 1996, n. 367, recante "Disposizioni per la trasformazione degli enti che operano nel settore musicale in fondazioni di diritto privato" e successive modifiche e integrazioni e lo Statuto della Fondazione del Teatro lirico di Cagliari, approvato con deliberazione n. 14, adottata dal Consiglio di amministrazione in data 12 maggio 1999, sanciscono criteri e termini di nomina del Consiglio di amministrazione della Fondazione del Teatro lirico di Cagliari;
- la legge regionale 3 maggio 1995, n. 11 regola le norme in materia di scadenza, proroga, decadenza degli organi amministrativi della Regione in materia di societą partecipate della Regione e di rappresentanti della Regione;
- la Regione, ai sensi dello Statuto, č rappresentata all'interno del Consiglio di amministrazione della Fondazione da due componenti;
- con deliberazione n. 36/17 del 4 novembre 2010 all'interno del Consiglio di amministrazione della Fondazione del Teatro lirico di Cagliari č stato nominato l'Ing. Gualtiero Cualbu ai sensi dell'articolo 12 del disegno di legge n. 367 del 1996 e dell'articolo 6 dello Statuto della Fondazione del Teatro lirico;

considerato che l'articolo 7 della legge regionale n. 11 del 1995 stabilisce:
- tra gli obblighi degli eletti o dei designati dalla Regione:
- l'obbligo di inviare annualmente all'organo che li ha eletti o designati una relazione sul loro operato e sul funzionamento dell'organo di cui fanno parte;
- l'obbligo di riferire sollecitamente ogni fatto che possa comportare danno, anche non patrimoniale, alla Regione e di provvedere entro dieci giorni a fornire le informazioni e ad inviare copia degli atti che venissero loro richiesti dalle commissioni consiliari e dai componenti della Giunta regionale competenti.
- tra le cause di revoca del mandato:
- l'inosservanza, nonostante diffida, del dovere di relazione;
- l'aver cagionato danno, anche non patrimoniale, alla Regione o per altra grave violazione dei doveri;
- la grave violazione degli indirizzi generali contenuti negli atti di programmazione regionale;

rilevato che, in un intervista rilasciata al quotidiano "L'Unione Sarda" il 16 maggio 2014, il componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione del Teatro lirico, ing. Gualtiero Cualbu, ha espresso il suo punto di vista in merito alla gestione del Teatro, ai rapporti con gli altri enti coinvolti nella governance della Fondazione, sull'operato del Presidente della Fondazione e su quello del Sovrintendente, sul futuro della stessa;

sottolineato che:
- č nota a tutti la difficile situazione finanziaria che la Fondazione del Teatro lirico ha attraversato in questi anni e la situazione debitoria parzialmente coperta da ingenti risorse regionali;
- il legislatore, con la legge n. 91 del 2013, č intervenuto in modo deciso sulla gestione delle fondazioni liriche e sui loro organi statutari sostituendo gli attuali consigli d'amministrazione con consigli di indirizzo, con norme che dovranno essere applicate negli statuti delle fondazioni entro il 30 giugno 2014 ed essere realmente operative entro il 1° gennaio 2015,

chiede di interrogare la Giunta regionale e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere se:
a) gli obblighi di legge previsti per i rappresentanti della Regione dall'articolo 7 della legge regionale 11 del 1995 siano stati assolti dal rappresentante della Regione, Ing. Gualtiero Cualbu;
b) le dichiarazioni del rappresentante della Regione nel Consiglio di amministrazione della Fondazione del Teatro lirico siano conformi agli indirizzi generali della programmazione regionale e agli attuali indirizzi politici della Giunta regionale.

Cagliari, 20 maggio 2014