CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 58/A

INTERROGAZIONE LAI, con richiesta di risposta scritta, sulla proposta di realizzazione di due centrali elettriche nei territori di Isili e Laconi e una doppia linea elettrica ad alta tensione da 150.000 volt che collega tali stazioni e che attraverserà il territorio di Nurallao.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la tutela della salute dei cittadini è un inderogabile punto di partenza per l'attivazione di qualunque intervento nei territori della nostra isola;
- qualsiasi intervento di impatto sul territorio deve tener conto del rispetto dell'ambiente e del paesaggio nel territorio coinvolto dagli stessi interventi;
- le popolazioni che insistono e risiedono in una determinata zona geografica devono essere consultate e rese partecipi degli interventi che si intende attivare nel proprio territorio;

considerato che:
- la disponibilità di energia è un fattore importante per lo sviluppo economico e sociale di un territorio, tanto più quanto esso per fattori storici, geografici e per la scarsa disponibilità di servizi, risulta periferico rispetto al centro di maggiore disponibilità energetica;
- la produzione e la distribuzione di energia deve avvenire comunque nel rispetto della sostenibilità ambientale, economica e sociale;
- stante la sostenibilità degli interventi, è comunque sempre auspicabile una ricaduta positiva immediata sulle popolazioni che mettono a disposizione il loro territorio per la creazione di infrastrutture con impatto ambientale importante;
- diversi studi hanno dimostrato che l'esposizione delle persone ai campi elettromagnetici generati aumenta la possibilità di manifestazione di tumori per la leucemia infantile e per la leucemia linfatica cronica;

valutato che:
- la società TERNA sta per ottenere l'autorizzazione per la costruzione di due centrali elettriche nei territori di Isili e Laconi e una doppia linea elettrica ad alta tensione da 150.000 volt che collega tali stazioni e che attraverserà il territorio di Nurallao;
- tale progetto prevede la costruzione di due linee elettriche parallele per una lunghezza di oltre 10 Km, con tralicci affiancati alti circa 40 metri e cavi che possono giungere a circa 10 metri di altezza;
- il tracciato passerà a 40 metri di distanza dalle case più vicine allo stesso e sarà realizzato sulle strade che la popolazione locale utilizza per accedere e usufruire del proprio territorio;
- che tale opera occuperà i boschi, i terreni percorsi dal fuoco, le aree agricole e produttive senza comportare alcun benessere e ricaduta economica per le popolazioni locali;
- numerosi comitati sono sorti in diverse zone della Sardegna con l'intento di opporsi alla costruzione di impianti come quella in progetto nei Comuni di Nurallao e Isili,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'industria e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere se:
a) è stata svolta attenta analisi sulle ricadute che potrebbero manifestarsi sia sull'ambiente che sulla fauna e avifauna in seguito alla costruzione delle due centrali elettriche e della doppia linea elettrica ad alta tensione da 150.000 volt che collega tali stazioni che potrebbero, altresì, essere nocive per la salute dei cittadini residenti nelle aree interessate dall'intervento;
b) è stata svolta una valutazione sull'impatto sociale ed economico che comporta la creazione di tale infrastruttura.

Cagliari, 4 giugno 2014