CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 95/A

INTERROGAZIONE BUSIA - DESINI, con richiesta di risposta scritta, sul risanamento dei debiti e sulla successiva trasformazione in ASP dell'IPAB Fondazione San Giovanni.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- la Fondazione San Giovanni Battista è un'istituzione pubblica di assistenza e beneficienza (IPAB) con sede a Ploaghe, convenzionata con il Sistema sanitario nazionale che fornisce una pluralità di servizi in diverse aree di intervento (riabilitazione, residenza sanitaria assistenziale, comunità terapeutica psichiatrica e casa protetta);
- con legge regionale n. 23 del 2005, articolo 44 (Disposizioni in materia di Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB)), la Regione ha disposto la trasformazione della forma giuridica delle IPAB in aziende pubbliche di servizi alla persona o in enti morali di diritto privato, al fine di garantire l'obiettivo di un'efficace ed efficiente gestione, assicurando autonomia statutaria, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica;
- la Giunta regionale, con deliberazione n. 10/46 dell'11 febbraio 2009, ha accolto la richiesta di fusione presentata dalle IPAB Fondazione San Giovanni Battista e Istituto delle Figlie di Maria e successiva trasformazione in azienda pubblica di servizi alla persona, subordinatamente al completamento del piano complessivo di risanamento;
- il tavolo tecnico istituito con decreto dell'Assessore dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale n. 36 del 2 settembre 2009 per l'esame delle criticità gestionali e delle situazioni debitorie delle due IPAB Giovanni Battista di Ploaghe e Istituto delle Figlie di Maria di Sassari, ha espresso una valutazione negativa del Piano di risanamento, anche in considerazione della grave situazione debitoria della Fondazione San Giovanni Battista;
- con legge regionale 15 marzo 2012, n. 6 (legge finanziaria 2012) è stata autorizzata la spesa di 25 milioni di euro a favore dell'IPAB Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe per il risanamento dei debiti relativi al personale e per la successiva trasformazione in ASP San Giovanni Battista di Ploaghe;
- con decreto n. 37/1374 del 3 luglio 2012 è stato istituito un nuovo tavolo tecnico volto ad esaminare e valutare il piano presentato dal commissario straordinario per il risanamento e rilancio delle attività dell'ente;
- dalla consultazione del rendiconto generale relativo all'esercizio finanziario del 2012 risulta che l'importo di 25 milioni di euro è stato interamente impegnato e pagato nel corso del 2012;
- per quanto di conoscenza degli odierni interroganti e da quanto risulta dalla consultazione del sito internet ufficiale dell'ente, la trasformazione in ASP non è ancora avvenuta;
- gli interroganti non hanno la possibilità di conoscere l'effettiva destinazione delle somme trasferite, tenuto anche conto che il sito internet dell'IPAB Fondazione San Giovanni di Ploaghe non è aggiornato a quanto prescritto dalla normativa nazionale sulla trasparenza (decreto legislativo n. 33 del 2013 (Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni)),

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per avere informazioni precise in merito all'utilizzo, da parte dell'ente, dell'importo di 25 milioni trasferito nel corso dell'esercizio finanziario 2012, in merito all'attuale situazione finanziaria dell'ente, con particolare riferimento all'estinzione totale dei debiti pregressi e per avere spiegazioni sulla mancata trasformazione in ASP dell'IPAB Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe.

Cagliari, 15 luglio 2014