CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 101/A

INTERROGAZIONE RUGGERI, con richiesta di risposta scritta, sull'esercizio di fantasia di Abbanoa nell'attività di bollettazione.

***************

Il sottoscritto,

visto che la società Abbanoa comunica la risoluzione dei propri problemi di bilancio con la comparsa del segno positivo sui bilanci di competenza;

considerato che il Comune di Quartu Sant'Elena risulta carente di qualsiasi censimento delle utenze, per il quale, solo pochi anni fa, era stata incaricata una cooperativa; risulta che i risultati di quell'incarico si siano visti solo nelle tracce lasciate nel bilancio della società, oltre che nella soddisfazione dei fortunati addetti; risulta ancora che non sia stata tentata nessuna composizione delle richieste rivolte alle utenze condominiali, che hanno fatto arenare qualsiasi buona volontà di pagamento dei singoli condomini di richieste che andranno prescritte. In questi giorni una di queste utenze (lottizzazione Sant'Anastasia di via Fiume) si è vista preavvertire di una chiusura imminente della fornitura idrica per una richiesta di pagamento pari a 900.000 euro, su cui non ha provveduto nemmeno ad una risposta rispetto a quegli utenti che intendevano pagare e contrattualizzare la propria posizione,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei lavori pubblici:
1) per sapere se sia a conoscenza del fatto che Abbanoa sta distribuendo in tutta la Sardegna delle bollette che, per importi, appaiono palesemente incongrue rispetto ai consumi possibili dell'utente; in particolare a Quartu Sant'Elena sono in distribuzione, in queste settimane, delle bollettazioni a carico delle utenze più diverse che recano cifre a tre, quattro o cinque zeri; dai dati raccolti presso le associazioni dei consumatori si può stimare che siano almeno duemila le bollette di questo tipo distribuite a Quartu e almeno quattro volte tanto in tutta la Sardegna;
2) in considerazione delle verifiche effettuate da diversi soggetti sul bilancio di Abbanoa, per sapere se sia a conoscenza di queste circostanze organizzative che continuano a produrre l'effetto di ingoiare soldi pubblici e che dissipano crediti altrimenti incassabili avviandoli alla prescrizione;
3) per riferire sul fatto che il bilancio approvato da Abbanoa "in positivo" si regga sull'esposizione di crediti non credibili, quali quelli legati a questa bollettazione di fantasia di cui ho dato conto;
4) per sapere se sia altrimenti possibile che chi ha la responsabilità da tanti anni della dirigenza di questo ente possa continuare tranquillamente a dirigerlo o ad essere accreditato per ruoli dirigenziali in altri enti regionali;
5) per conoscere quali garanzie di riforma della struttura dirigente dell'ente siano state assunte a fronte del sostanziale contributo, variamente strutturato, che la Regione ha erogato ad Abbanoa.

Cagliari, 17 luglio 2014