CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 136/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla decisione di chiudere la caserma dei carabinieri di Burgos.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- è notizia oramai certa che il governo nazionale è determinato a chiudere il presidio dell'Arma dei carabinieri di Burgos;
- la decisione del Governo di apportare tagli alla spesa pubblica appare essere assolutamente condivisibile e dovuta, ma desta perplessità la scelta rispetto ai settori di intervento;

considerato che:
- la Sardegna è interessata da un'ondata di criminalità crescente e la decisione del Governo appare in controtendenza rispetto a questa escalation;
- è cronaca giornaliera che le zone interne sono interessate da rilevanti atti criminosi;
- la presenza stabile di un presidio dell'Arma funge, inevitabilmente, nell'immaginario collettivo, da deterrente rispetto ai fatti di criminalità;
- la chiusura del presidio di Burgos, rappresenterebbe un grande smacco per il territorio già messo in ginocchio dall'incombente crisi e dall'abbassamento vertiginoso dei livelli occupazionali, nonché dai limiti dettati dalla morfologia del territorio che, inevitabilmente, ne favorisce l'isolamento;
- invero, la situazione di crisi, nonché la posizione geografica, alimenta la proliferazione di atti criminali e vandalici e l'assenza di un presidio in loco costituirebbe terreno fertile per l'espandersi del fenomeno;

rilevato che:
- la scelta di intervenire sulla spesa pubblica, prevedendo dei tagli alla stessa, è assolutamente condivisibile e auspicabile;
- però le scelte devono essere precedute da valutazione che determinino l'efficacia delle stesse;
- invero, la scelta di chiudere il Presidio di Burgos potrebbe, inevitabilmente, determinare come contropartita l'aumento della criminalità nel territorio con conseguente necessità di interventi ripristinatori di altra natura e con aumento di costi collaterali,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio per sapere:
a) se è intendimento del Governo regionale interloquire con il Governo nazionale al fine di scongiurare questo ennesimo scippo alla nostra Isola;
b) quali siano le tempistiche per provvedere a tale incombente situazione.

Cagliari, 3 settembre 2014