CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 141/A

INTERROGAZIONE RUBIU, con richiesta di risposta scritta, in merito all'erogazione dei contributi alle società sportive in seguito alla deliberazione della Giunta regionale del 2 settembre 2014.

***************

Il sottoscritto,

premesso che con la deliberazione n. 34/13 del 2 settembre 2014, avente ad oggetto "Promozione dell'immagine unitaria della Sardegna attraverso azioni di co-marketing", proposta dall'Assessorato regionale del turismo, artigianato e commercio, si è decisa la ripartizione dei finanziamenti alle società sportive isolane;

accertato che per il riconoscimento delle risorse finanziarie rivestono una significativa importanza le dimensioni e ricadute positive sul sistema Sardegna ad oggi conseguite, specie per il potenziale di attrazione ed attenzione che i soggetti più quotati di alcune discipline sportive producono in termini di impatto nella comunicazione sia nazionale che internazionale e che consentono di veicolare proficuamente la promozione dell'immagine unitaria della Sardegna;

rilevato che in tale elenco figurano le società: Cagliari calcio Spa, iscritta al campionato nazionale di calcio maschile di serie A per la stagione 2014-2015; S.E.F. Torres 1903 Srl, iscritta al campionato nazionale di calcio maschile di serie C per la stagione 2014-2015; ASD Torres femminile Sassari, iscritta al campionato nazionale di calcio femminile di serie A per la stagione 2014-2015; Dinamo Basket Srl, iscritta al campionato nazionale di pallacanestro di serie A1 maschile e impegnata nel Torneo internazionale Eurolega di basket maschile per la stagione 2014-2015; ASD CUS Cagliari, iscritta al campionato nazionale di pallacanestro di serie A1 femminile per la stagione 2014-2015; nella lista si comprende altresì ASD Vento di Sardegna del signor Andrea Mura, velista di chiara fama internazionale, iscritto con l'omonima imbarcazione "Vento di Sardegna" alla più famosa ed importante regata oceanica in solitaria, la "Route du Rhum" (che si svolge ogni 4 anni in partenza dalla Francia, evento di assoluta rilevanza mondiale) della quale, primo italiano, ha vinto l'edizione 2010; ASD Great Events Sardinia per il Rally Costa Smeralda, gara automobilistica di carattere e rilievo internazionale, in programma sugli sterrati della costa nord-orientale dell'Isola, che si inserisce nella lunga tradizione di eventi che saldano il brand Sardegna con il marchio "Costa Smeralda";

valutato che l'apporto di tali società e/o entità sportivi appare meritare un sostegno contributivo adeguato, giusto e legittimo per la ricaduta positiva che portano alla Sardegna, in termini di immagine sportiva, sociale e culturale;

annotato che l'elenco compreso nella deliberazione sembra comunque discriminatorio nei confronti di altre società sportive di altre discipline che si sono distinte nel panorama nazionale e/o internazionale; si citino, ad esempio, l'Amsicora (squadra pluriscudettata impegnata nell'hockey su prato); il Città di Sestu (neopromosso nella serie A1 di calcio a cinque, entrata nella storia come prima squadra della cerchia oltre il capoluogo che raggiunge tali risultati nella disciplina) e il Cagliari calcetto, la Vba Olimpia Sant'Antioco e la Comer Iglesias nella pallavolo; le società sarde di pallamano, pallanuoto e tennistavolo (ad es. Marcozzi, Norbello e Zeus Quartu) che si sono distinte nella massima serie;

dato atto che nel provvedimento in oggetto si richiama che con la deliberazione n. 21/35 del 13 giugno 2014 la Giunta regionale ha disposto la nomina del commissario dell'Agenzia regionale Sardegna Promozione, attivando una gestione straordinaria motivata da ragioni di economicità dell'azione amministrativa e di efficienza dell'esercizio delle funzioni di governo che, unite agli attuali vincoli di bilancio e alle esigenze di riduzione della spesa, richiedono un ripensamento dell'attribuzione delle funzioni dell'Agenzia e la conseguente proposta di un disegno di legge per la sua soppressione, in seguito approvato con la deliberazione della Giunta regionale n. 32/15 del 7 agosto 2014;

appreso che l'Assessore prosegue evidenziando che la gestione dell'Agenzia risulta, coerentemente con i provvedimenti assunti dall'Amministrazione, improntata alla definizione e riordino delle obbligazioni in essere e, come disposto con la citata deliberazione della Giunta regionale n. 21/35 del 2014, alla prosecuzione delle attività di promozione individuate come prioritarie e per le quali sussiste la copertura finanziaria per il 2014; in merito, l'Assessore precisa che, stante la situazione complessiva dell'Agenzia e la necessità di consentire alla stessa di operare secondo direttive chiare e definite, risulta necessario indicare l'ambito operativo di riferimento per la parte restante del 2014;

constatato che, rispetto alla situazione venutasi a creare con riferimento alle azioni di promozione a seguito delle citate deliberazioni, l'Assessore rileva che l'Agenzia, in attuazione della deliberazione della Giunta regionale n. 5/57 dell'11 febbraio 2014, che fissava gli obiettivi generali e le priorità strategiche per l'annualità 2014 e approvava il piano triennale di attività 2013-2015, di cui alla determinazione del Direttore centrale dell'Agenzia medesima n. 7 del 5 febbraio 2014, già nel corso della prima parte dell'esercizio 2014 ha avviato una serie di interlocuzioni dirette alla realizzazione di alcune attività per il periodo 2014/2015;

osservato che dunque, da quanto emerge nella deliberazione, potrebbero prospettarsi altri atti urgenti da adottare per centrare gli obiettivi fissati dall'Agenzia nell'ambito operativo delle direttive già definite per il 2014, anche con il fine di assumere una continuità di azioni con la gestione di co-marketing effettuate con le società sportive e le diverse entità turistiche, visto pure l'imminente avvio della stagione per le diverse squadre impegnate nei principali campionati agonistici (con il ritardo inconcepibile nell'erogazione degli altri contributi per trasferte, sponsorizzazioni) e l'ormai prossima calendarizzazione di diversi eventi di carattere a sfondo turistico e culturale;

sottolineato, peraltro, che tutte le squadre suddette appaiono fregiarsi del titolo di ambasciatori sportivi regionali, di comprovata fama internazionale, considerata anche la militanza nelle diverse compagini di giocatori provenienti dall'estero che portano dunque la Sardegna in ogni angolo del mondo;

rimarcato che si considera lo sport come un importante vetrina turistica per l'Isola, così pure si evidenzia l'importanza delle diverse sagre e/o eventi promossi in ambito regionale con l'obiettivo di attrarre il flusso turistico con un intento positivo che pareva aprirsi con il turismo religioso ed il progetto denominato "Cammini di Sardegna" e gli eventi de "L'Isola che danza",

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio:
1) per sapere in base a quali criteri e/o parametri si sia deciso di inserire le società citate (degne di un riconoscimento contributivo con adeguate risorse economiche) in delibera, ma soprattutto di escludere alcune società all'apice nei rispettivi campionati;
2) per valutare la possibilità di un riconoscimento finanziario adeguato anche alle altre società impegnate nei diversi campionati nazionali, veicolo straordinario di promozione turistica, con il marchio Sardegna che fa il giro della Penisola e non solo, visto che la stagione è alle porte per la maggior parte delle squadre e le risorse economiche sono necessarie per una adeguata programmazione dei diversi campionati;
3) per conoscere gli altri progetti dell'Agenzia Sardegna Promozione per cui si considera necessaria la citata continuità con la precedente gestione;
4) per verificare la possibilità di salvaguardare gli impatti positivi dell'Agenzia in termini turistici, in modo particolare sotto l'ottica del turismo religioso, degli eventi legati al carnevale isolano e delle altre manifestazioni di interesse regionale;
5) per esaminare un nuovo soggetto in grado di portare avanti il ruolo di Sardegna Promozione, che si è rivelato non il solito inutile carrozzone, ma un valido strumento di promozione del marchio Sardegna e dei brand legati all'Isola.

Cagliari, 10 settembre 2014