CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 177/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sull'attività dei centri di rilevazione delle patologie tumorali e sui dati dell'incidenza tumorale nei comuni confinanti con le zone industriali e i poligoni militari.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il Piano regionale dei servizi sanitari 2006/2008, nell'ambito degli "obiettivi di salute" riservava specifica attenzione alle malattie oncologiche, in considerazione della particolare rilevanza epidemiologica e del fatto che l'offerta assistenziale era ancora inadeguata e prevedeva l'istituzione della Commissione oncologica regionale;
- in considerazione di ciò, con deliberazione di Giunta regionale n. 15/20 del 19 aprile 2007 è stata istituita la Commissione oncologica regionale;
- la stessa Commissione è stata modificata con deliberazioni di Giunta regionale n. 33/11 del 16 luglio 2009 e n. 14/20 del 4 aprile 2012;

valutato che:
- la legge regionale 7 agosto 2009, n. 3, all'articolo 8, prevede che possono essere istituiti registri di patologia riferiti a malattie di rilevante interesse sanitario, tra i quali il registro tumori;
- nelle more dell'approvazione di una legge e di un regolamento regionale che possa consentire l'attivazione del registro tumori regionale, si è proceduto a istituire a livello provinciale dei centri di rilevazione delle patologie tumorali che costituiscono uno strumento fondamentale per la ricerca in ambito oncologico e per l'identificazione dei fattori di rischio che agiscono sulla popolazione e per lo studio degli effetti degli interventi sanitari mirati alla loro riduzione;

dato atto che:
- nella Provincia di Sassari è operativo un sistema di rilevazione delle patologie tumorali istituito nel 1992 e accreditato AIRTUM dal 1999, con competenza territoriale sulle ASL di Sassari-Olbia;
- nella Provincia di Nuoro è operativo un sistema di rilevazione delle patologie tumorali istituito nel 2005 e accreditato AIRTUM dal 2010, con competenza territoriale sulle ASL di Nuoro-Lanusei;
- con decreto dell'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale n. 33 del 27 giugno 2012, sono stati istituiti rispettivamente nelle Province di Cagliari e Oristano i centri di rilevazione delle patologie tumorali, con finalità di ricerca in ambito oncologico, per la identificazione dei fattori di rischio che agiscono sulla popolazione e per lo studio degli effetti degli interventi sanitari mirati alla loro riduzione, e sono stati contestualmente nominati responsabili tecnico-scientifico rispettivamente per la Provincia di Cagliari il prof. Gavino Faa, e per la Provincia di Oristano il dott. Alessandro Flore;

considerato che:
- nelle recenti polemiche sulle servitù militari diversi esponenti dei movimenti e dei partiti a favore della chiusura dei poligoni hanno più volte sostenuto che nelle zone di Capo Frasca, Teleuda e Quirra, e più in generale nei poligoni in uso alle Forze armate italiane, è presente un grave inquinamento ambientale che ha determinato nelle popolazioni locali l'insorgere di malattie tumorali;
- nel 2007 nell'ambito del programma strategico nazionale Ambiente e salute è stato avviato il progetto "Sentieri", finanziato dal Ministero della salute e condotto dall'Istituto superiore di sanità, con lo scopo di studiare la mortalità delle popolazioni residenti nei Siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN) per il periodo 1995-2002 e di contribuire a individuare le priorità negli interventi di risanamento ambientale finalizzati alla prevenzione delle patologie causate da fonti di esposizioni ambientali nei SIN;
- grazie al progetto "Sentieri" è stato possibile costruire una piattaforma di dati relativa allo stato di salute dei residenti nei siti di interesse nazionale per le bonifiche, tra i quali ricadono l'area industriale di Porto Torres e il Sulcis Iglesiente Guspinese, anche tenendo conto della conto della caratterizzazione ambientale e del profilo tossicologico dei principali contaminanti presenti, nonché creare un primo sistema di sorveglianza dello stato di salute dei residenti in tali siti;
- il III rapporto "Sentieri", pubblicato nel maggio 2014, affiancando allo studio della mortalità nei SIN le analisi dei ricoveri ospedalieri e dell'incidenza dei tumori, benché non consenta la formulazione di valutazioni causali, ha comunque rilevato preoccupanti incrementi (anche del 90 per cento) dei tumori in tali zone, e ha evidenziato per l'area di Porto Torres un eccesso di mortalità, incidenza oncologica, e ricoveri ospedalieri per patologie come le malattie respiratorie e il tumore del polmone,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se i Centri di rilevazione delle patologie tumorali delle Province di Cagliari e Oristano siano operativi;
2) quali siano i dati raccolti da tali centri e dai centri Sassari-Olbia e di Nuoro-Lanusei relativamente all'incidenza tumorale con particolare riferimento ai comuni confinanti con le aree industriali e con i poligoni militari;
3) se l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale o il Presidente della Regione abbiano mai chiesto ai vari responsabili provinciali i dati sopraccitati e pertanto ne siano in possesso e li conoscano;
4) se sia mai stato effettuato un raffronto ragionato tra i dati relativi alle malattie respiratorie, ai tumori del polmone, ai mielomi, alle neoplasie, alle leucemie e al linfoma di hodgkin dei comuni limitrofi alle aree industriali e di quelli limitrofi ai poligoni militari.

Cagliari, 10 ottobre 2014