CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 212/A

INTERROGAZIONE PISCEDDA - COMANDINI - DERIU, con richiesta di risposta scritta, sui provvedimenti adottati dall'amministratore unico ARST in materia di personale.

***************

I sottoscritti,

premesso che, con deliberazione della Giunta regionale della Sardegna n. 13/21 del 4 marzo 2008, in attuazione dell'accordo procedimentale fra il Ministero dei trasporti e la Regione di quanto previsto dal decreto legislativo n. 46 del 2008, a decorrere dall'11 giugno 2008, l'ARST Spa è subentrata ai compiti della Gestione governativa ferrovie meridionali sarde e, dal 12 giugno 2008, ARST Gestione FdS srl è subentrata ai compiti della Gestione governativa ferrovie della Sardegna;

considerato che:
- da tali date, tutto il personale della Gestione governativa ferrovie meridionali sarde è inserito nell'organico dell'ARST Spa mentre il personale della Gestione governativa ferrovie della Sardegna è inserito sull'organico ARST Gestione FdS srl;
- al fine di armonizzare un percorso riorganizzativo condiviso con le parti sociali, si è firmato, in data 28 novembre 2009, un protocollo di accordo generale sulla riorganizzazione aziendale con le parti sindacali, che prevedeva, tra l'altro, l'armonizzazione organizzativa e il riallineamento del trattamento giuridico economico del personale;
- dall'analisi del confronto retributivo, in particolare nell'area quadri e del parametro 250 (Resp. unità amministrativa complessa), a parità contrattuale, è emerso che in ARST si percepiva il 120,20 per cento della retribuzione, posto 100 per cento quella FDS, mentre in FMS si percepiva il 110,18 per cento sempre della retribuzione FDS;
- in data 25 ottobre 2010 si è concretizzato il processo di unificazione con atto di incorporazione in ARST di ARST Gestione FdS srl;
- il processo di riallineamento delle retribuzioni di tutto il personale, escluso i quadri, si è praticamente concluso nell'anno 2012;
- l'azienda, per impiegare proficuamente il personale dell'area quadri, parametro 230/250, ha ritenuto, solo per i quadri, di doversi procedere prima al bilancio delle competenze assessment;
- l'attività di assessment condotta da una società di consulenza, la BPI GROUP, specializzata in percorsi di sviluppo delle risorse umane, si è conclusa nel mese di giugno 2012, senza che ciò abbia dato impulso all'equiparazione;
- alla data odierna novembre 2014, nonostante la conclusione del processo di unificazione, permangono delle discriminazioni importanti nelle retribuzioni dei quadri, non ancora allineate, che vedono gran parte dei quadri di provenienza ex ARST percepire emolumenti di gran lunga superiori, a parità di inquadramento contrattuale, ai colleghi di provenienza ex FDS ed ex FMS;
- a oggi, è in atto per tutto il personale ARST il blocco degli straordinari e non esistono contratti aziendali integrativi specifici per la categoria quadri (parametro 230/250) che prevedono incrementi di stipendio base,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dei trasporti per sapere se conosce su quale base normativa e/o provvedimento amministrativo si fondino tali emolumenti percepiti solo dalla maggioranza dei quadri di provenienza ex ARST e, nel caso di "trattamenti ad personam", chiedono di conoscere il provvedimento amministrativo adottato dall'amministratore unico ovvero dalla Regione che lo legittima.

Cagliari, 26 novembre 2014