CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 216/A

INTERROGAZIONE ARBAU - AZARA - LEDDA - PERRA, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata erogazione dei contributi per il fitto casa agli studenti nuovi assegnatari.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- la Regione, a partire dal 2005, ha provveduto alla pubblicazione annuale dei bandi per l'erogazione di contributi per il fitto casa a favore degli studenti universitari fuori sede, al fine di sostenere i giovani sardi frequentanti corsi di laurea sia nella Penisola che all'estero;
- del contributo possono beneficiare, tanto gli iscritti al primo anno (nuove assegnazioni), che gli iscritti agli anni successivi (rinnovi) per un importo massimo di 2.500 euro da erogare a fronte della presentazione di regolare contratto e ricevute degli affitti versati;
- per l'anno accademico 2013/2014 lo stanziamento è stato pari a 2.100.000 euro, da suddividersi appunto tra i rinnovi e le nuove assegnazioni;
- a seguito della pubblicazione delle graduatorie definitive per le rispettive categorie, gli studenti in regola con la presentazione della rendicontazione richiesta dall'Assessorato regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport avrebbero dovuto ricevere gli importi stabiliti;

evidenziato che l'Assessorato ha provveduto, dopo tempi assai lunghi, oltre un anno trascorso dalla presentazione delle domande e sei mesi dalla pubblicazione delle graduatorie definitive, all'erogazione dei contributi solo per i rinnovi, cioè per gli studenti iscritti agli anni successivi al primo;

rilevato che:
- tale contributo oggi rappresenta non solo un riconoscimento al merito e all'impegno degli studenti extraregione, ma sempre più un apporto concreto e spesso irrinunciabile per la prosecuzione degli studi di molti giovani sardi, ancor più nell'attuale contesto di drammatica crisi economica e sociale;
- la Regione deve, obbligatoriamente e senza ulteriori ritardi, adempiere agli impegni assunti nei confronti dei numerosi studenti, costretti ad andar via dalla Sardegna per accedere a percorsi accademici in grado di assicurare maggiori possibilità occupazionali;
- i ritardi e le incertezze nel funzionamento del procedimento sono, infatti, spesso causa di gravissimi problemi per gli studenti e talvolta condizionano e pregiudicano la stessa prosecuzione del percorso di studio;

preso atto delle numerose voci di protesta riportate dagli organi di informazione, tra cui una giovane che rimarca "i tantissimi appelli degli studenti sardi, per i quali una piccola grande somma di denaro può divenire un ausilio fondamentale per la loro permanenza nella città nella quale studiano, con la speranza che una risposta da parte della Regione giunga al più presto e le somme stabilite possano venire accreditate nel minor tempo possibile",

chiedono di interrogare l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere:
1) quali siano le motivazioni che hanno impedito finora di onorare gli impegni assunti verso i tantissimi studenti sardi nuovi assegnatari del contributo per il fitto casa, discriminandoli nei confronti degli assegnatari dei rinnovi;
2) se non ritenga opportuno avviare con urgenza tutte le iniziative necessarie a provvedere all'immediata erogazione del contributo a tutti i beneficiari, al fine di consentire ai giovani studenti di adempiere agli impegni assunti verso i terzi, ma soprattutto verso se stessi e il loro già difficile futuro.

Cagliari, 1° dicembre 2014