CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 240/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata utilizzazione della nuova strada statale 128 "Variante funzionale Senorbì - Suelli".

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la strada statale 128, denominata Centrale sarda, riveste una particolare e strategica importanza nei collegamenti della rete viaria della Sardegna centrale, costituendo la più rapida e antica via di collegamento delle zone interne;
- l'attuale tracciato ha subito nel tempo limitate ed esigue opere migliorative restando, sostanzialmente, invariato rispetto alla sua conformazione originaria;
- recentemente, tale arteria stradale è stata oggetto di un importante intervento denominato "Variante funzionale Senorbì-Suelli" che renderà non più obbligatorio l'ingresso nei centri abitati di Suelli e Senorbì, con conseguente riduzione dei tempi di percorrenza da parte degli automobilisti e una maggiore tutela ambientale dei territori interessati in virtù della riduzione delle emissioni potenzialmente inquinanti;
- l'impresa esecutrice presumibilmente ha concluso l'opera oramai da alcuni mesi e, nonostante ciò, il predetto tratto di strada risulta a oggi precluso alla circolazione dei veicoli;
- come appreso nel corso dell'estate 2014 dalle interviste rilasciate ai quotidiani locali dall'Assessore regionale dei lavori pubblici e da alcuni esponenti della maggioranza del Consiglio regionale, l'opera pubblica avrebbe dovuto essere inaugurata dapprima a settembre e poi, con successivo annuncio, entro la fine dell'anno 2014;

considerato che amministratori e cittadini dei comuni attraversati dalla summenzionata arteria, in particolare Trexenta, Sarcidano-Barbagia di Seulo, hanno più volte manifestato, a mezzo stampa e attraverso raccolta di firme, l'urgenza e la necessità di porre fine a questa scandalosa situazione;

ritenuto che l'adeguamento di questa arteria stradale, con l'apertura della cosiddetta "Variante funzionale Senorbì-Suelli", determinerà una sensibile riduzione dei tempi di percorrenza, il miglioramento delle condizioni di sicurezza stradale e potrà, altresì, contribuire a un eventuale rilancio economico e strategico delle zone interne della Sardegna;

tenuto conto che la Giunta regionale con la deliberazione n. 4/35 del 5 febbraio 2014, nell'ambito della proposta regionale della nuova Intesa generale quadro (IGQ), ha indicato l'infrastruttura tra gli interventi di preminente interesse regionale e nazionale,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1) se l'impresa esecutrice abbia realmente concluso i lavori;
2) quali siano gli elementi e le ragioni che impediscono l'apertura della cosiddetta "Variante funzionale Senorbì-Suelli";
3) se non ritenga di dover intervenire con urgenza al fine di consentire la rapida apertura al traffico del tratto di strada statale 128 denominato "Variante funzionale Senorbì-Suelli" consentendo, in tal modo, alla popolazione delle zone interne della Sardegna un più celere collegamento con il capoluogo isolano;
4) quando si può ragionevolmente presumere, senza alimentare false e inopportune aspettative, l'apertura al traffico del tratto di strada statale 128 denominato "Variante funzionale Senorbì-Suelli".

Cagliari, 8 gennaio 2015