CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 277/A

INTERROGAZIONE AGUS - PIZZUTO - COCCO Daniele Secondo - LAI - USULA - UNALI, con richiesta di risposta scritta, sul riordino e la razionalizzazione degli assetti organizzativi degli uffici dell'Amministrazione regionale, in particolar modo per ciò che concerne la transizione nel ruolo unico regionale del personale iscritto alla lista speciale ad esaurimento al 31 dicembre 2008 ai sensi della legge regionale n. 3 del 2008, già facente parte dell'albo regionale di cui alla legge regionale n. 42 del 1989.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- ai sensi dell'articolo 6, comma 1, lettera f), della legge regionale 5 marzo 2008, n. 3, al termine di un complesso e articolato processo di governo della formazione professionale e per il definitivo superamento dell'albo regionale del personale docente e non docente con contratto a tempo indeterminato al 31 dicembre 1988, degli enti convenzionati con la Regione per l'attuazione dei piani di formazione professionale ai sensi della legge regionale 1° giugno 1979, n. 47, istituito ai sensi dell'articolo 1 della legge regionale 13 giugno 1989, n. 42, è istituita, presso l'Assessorato competente in materia di formazione professionale, la lista speciale ad esaurimento costituita da n. 343 lavoratori, di cui 31 cessati;
- l'Amministrazione regionale, con effetto dalla data di iscrizione nella lista, è subentrata, senza soluzione di continuità, agli enti di provenienza nelle convenzioni con gli enti locali, nei rapporti giuridici ed economici col personale suddetto, che ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 33/28 del 10 giugno 2008, è stato assunto con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dall'anno 2008;
- al personale iscritto alla lista speciale ad esaurimento si applica il contratto collettivo di lavoro della formazione professionale e la rispettiva disciplina privatistica, con oneri a carico dell'Amministrazione;

considerato che:
- la Giunta regionale, con propria deliberazione n. 33/28 del 2008, ha impartito un atto di indirizzo interpretativo che ha sancito:
a) la duplice valenza della lista ad esaurimento, strumento di politica attiva del lavoro finalizzata alla ricollocazione presso enti pubblici locali e non, e strumento di impiego del personale ad essa iscritto nel settore della formazione professionale;
b) il trattamento economico e contrattuale degli iscritti, che continuano a godere di un rapporto di diritto privato del comparto professionale di riferimento in cui l'Amministrazione regionale subentra negli oneri agli enti di provenienza nel loro rapporto di lavoro;
c) la qualificazione della lista come "speciale ad esaurimento", il che comporta che essa mantenga la propria vigenza ed efficacia sino alla definitiva ricollocazione dell'ultimo degli iscritti alla lista stessa;
d) il termine della lista stessa, certo ma non definito "anche se si può ritenere che essa abbia comunque termine all'ultima data utile per il ricollocamento, ovvero per il collocamento in quiescenza dell'ultimo iscritto alla lista";
e) la copertura finanziaria che, per le caratteristiche succitate, deve essere a tempo indeterminato e deve trovare adeguata copertura nel bilancio regionale quale spesa obbligatoria;
- la Giunta regionale, con deliberazione n. 52/73 del 23 dicembre 2011, nel prendere atto del consolidarsi dell'inserimento operativo di parte del personale iscritto nella lista speciale nell'ambito dell'Amministrazione regionale con funzioni ed incarichi anche non strettamente connessi alla formazione professionale, si è fatta carico di avviare un percorso di omogeneizzazione del trattamento del suddetto personale con quello del ruolo unico dell'Amministrazione regionale, dando mandato all'Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale di effettuare una contrattazione con le organizzazioni sindacali al fine di ''regolamentare la flessibilità dell'orario di lavoro, l'istituto della banca delle ore ed ogni altro tema volto ad integrare le prestazioni lavorative del personale della lista speciale a quelle rese dai dipendenti dell'Amministrazione regionale e degli altri enti pubblici in cui detto personale è collocato";
- la legge regionale 2 agosto 2013, n. 22, ha disposto le variazioni di bilancio che portano in diminuzione le spese per il personale suddetto dal Fondo per l'occupazione - spese correnti e in correlativo aumento le spese obbligatorie (elenco n. 1 allegato alla legge di bilancio), riconoscendo, a decorrere dall'anno 2014, i competenti capitoli di spesa di carattere obbligatorio come sancito nella delibera n. 33/28 del 2008;

sottolineato che il personale iscritto alla lista speciale ad esaurimento, già facente parte dell'albo regionale di cui alla legge regionale n. 42 del 1989:
- è assunto dall'Amministrazione regionale con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dall'anno 2008, ai sensi dell'articolo 6, comma 1, lettera f) della legge regionale n. 3 del 2008 e successive modifiche ed integrazioni;
- ha avuto il riconoscimento della professionalità e delle competenze maturate nell'ambito del settore della formazione professionale in oltre vent'anni di attività lavorativa attraverso il subentro, senza soluzione di continuità, dell'Amministrazione regionale agli enti di provenienza nei rapporti giuridici ed economici intercorrenti con il personale stesso;
- si è inserito operativamente nell'Amministrazione regionale e svolge le medesime funzioni del personale del ruolo unico regionale con un rapporto di lavoro regolamentato dal CCNL della formazione professionale;
- l'istituzione della lista speciale ad esaurimento non ha comportato per l'Amministrazione regionale oneri aggiuntivi rispetto a quelli che già la medesima Amministrazione non fosse tenuta a sostenere nel comparto della formazione professionale per effetto del disposto della legge regionale n. 42 del 1989;
- in conseguenza della legge regionale n. 22 del 2013, è sottoposto alle disposizioni del decreto legge n. 78 del 2010 per le quali nel trattamento retributivo sono stati sospesi gli aumenti contrattuali, benefit e scatti d'anzianità previsti dal CCNL della formazione professionale 2011/2013,

chiedono di interrogare l'Assessore degli affari generali, personale e riforma della regione per conoscere quali concrete iniziative abbia intrapreso od intenda intraprendere presso la Giunta regionale, nell'ambito del riordino e della razionalizzazione degli assetti organizzativi degli uffici dell'Amministrazione regionale, per la transizione del personale iscritto alla lista speciale ad esaurimento al 31 dicembre 2008 ai sensi della legge regionale n. 3 del 2008, già facente parte dell'albo regionale di cui alla legge regionale n. 42 del 1989, nel ruolo unico regionale e la contestuale equiparazione contrattuale giuridica ed economica al medesimo.

Cagliari, 10 febbraio 2015