CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 285/A

INTERROGAZIONE TEDDE - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra, con richiesta di risposta scritta, sulla legittimitą delle delibere con le quali sono stati nominati i facenti funzioni del direttore amministrativo e del direttore sanitario della Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, con previsione di stipula di contratti di diritto privato coi predetti.

***************

I sottoscritti,

premesso che la legge regionale n. 29 del 2014, all'articolo 9, comma 7, prescrive che "I commissari straordinari, per il periodo dell'incarico, di durata non superiore a quattro mesi, rinnovabile per una sola volta per non pił dello stesso periodo, hanno i poteri e il compenso del direttore generale previsti dalla vigente normativa, ad eccezione dell'emolumento integrativo di risultato" e che "sono coadiuvati nell'esercizio delle loro funzioni da due dirigenti facenti le funzioni di direttore amministrativo e di direttore sanitario, individuati secondo le rispettive norme vigenti in materia. Il commissario straordinario e i dirigenti facenti le funzioni di direttore amministrativo e di direttore sanitario decadono con la nomina del direttore generale";

accertato, invece, che con deliberazioni del commissario straordinario n. 17 e 18 del 27 gennaio 2015 sono stati nominati "per le funzioni" di direttore amministrativo e sanitario un dirigente di una azienda privata ed un dirigente della medesima AOU con previsione di stipula per entrambi di un contratto di lavoro di diritto privato con un compenso di euro 99.160,32;

ritenuto che dette delibere paiono assunte in violazione della legge regionale n. 29 del 2014, che in aderenza ai principi di riduzione della spesa pubblica, che oggi informano tutte le dinamiche di governo e amministrative, al comma 7 dell'articolo 9 prevede che nel periodo di commissariamento delle aziende i commissari sono coadiuvati da due dirigenti delle aziende commissariate che svolgono le funzioni di direttore sanitario e amministrativo fino alla scadenza del commissario straordinario;

sottolineato che i lavori preparatori della legge ed il programma di governo del Presidente della Regione hanno sempre posto il giusto accento sulla necessitą di ridurre le spese della sanitą regionale;

osservato che, alla luce della ratio e della lettera della norma regionale, il commissario straordinario avrebbe dovuto individuare due dirigenti dell'AOU in possesso dei requisiti di cui all'articolo 10, comma 7, della legge regionale n. 10 del 2006, e non affidare incarichi a soggetti esterni e, comunque, non era legittimato a stipulare contratti di diritto privato;

sottolineato che la fondatezza di tale interpretazione e la sua aderenza alle regole ermeneutiche del nostro ordinamento sono certificate dal fatto che la norma attribuisce al commissario straordinario i poteri e il compenso del direttore generale previsti dalla vigente normativa, mentre, per converso, per i due dirigenti facenti le funzioni di direttore amministrativo e sanitario si limita a prescrivere che debbono essere individuati "secondo le rispettive norme in materia";

evidenziato che nonostante la professionalitą dei due direttori facenti funzioni, che col presente atto di doveroso sindacato ispettivo non viene messa in discussione, dalla loro errata individuazione potrebbero conseguire gravissime conseguenze a carico dell'ente nell'ipotesi di contestazione giudiziale della loro competenza ad emanare atti;

rilevato che le delibere in discussione in funzione delle ripercussioni sulle finanze dell'ente prive di fonte giuridica potrebbero anche essere oggetto di esame della competente magistratura contabile,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere quali siano le iniziative e le azioni che l'Amministrazione regionale intende porre in essere con estrema urgenza in sede di autotutela al fine di far ritirare gli atti illegittimi e scongiurare danni per l'ente e per i cittadini sardi.

Cagliari, 13 febbraio 2015