CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 297/A

INTERROGAZIONE FORMA - COMANDINI - DERIU - MANCA Gavino, con richiesta di risposta scritta, sulla legittimità di alcuni provvedimenti che modificano l'organizzazione dell'Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- il 25 agosto 2014 l'Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna (IZS) ha trasmesso all'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale la propria delibera n. 3.5 con la quale approva il regolamento aziendale nel quale propone la modifica dei propri assetti organizzativi istituendo nuove strutture organizzative;
- il 22 settembre 2014 la Direzione generale dell'Assessorato, con nota n. 23135, comunica all'istituto di non poter sottoporre a controllo ai sensi e per gli effetti della legge regionale n. 25 del 2012 il Regolamento approvato con la deliberazione n. 3.5 del 25 agosto 2014, in quanto la stessa risulta approvata da un consiglio di amministrazione non validamente costituito a seguito delle dimissioni del componente di nomina ministeriale formalizzate in data antecedente all'approvazione del provvedimento stesso;
- il 9 dicembre 2014 il Direttore generale dell'istituto, con propria determina n. 1047, provvede ad aggregare una serie di funzioni già espletate da altre strutture riconducendole sotto il coordinamento di una struttura organizzativa di nuova istituzione denominata "Sviluppo aziendale", individuando altresì il dirigente veterinario cui affidarne il coordinamento;
- il 23 gennaio 2015 con propria determina n. 31, lo stesso direttore generale nomina la commissione di valutazione per il conferimento dell'incarico quinquennale di dirigente medico veterinario responsabile della Struttura complessa sanità animale;

considerato che:
- la Giunta regionale, con propria deliberazione n. 28/17 del 17 luglio 2014, ha disposto che il direttore generale dell'IZS della Sardegna, al pari di quelli delle ASL, debba sottoporre a preventiva valutazione dell'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale l'istituzione e/o la soppressione di qualsiasi struttura o servizio, il conferimento di nuovi incarichi o di incarichi che comportino soluzioni organizzative diverse da quelle esistenti;
- la Giunta regionale, con l'adozione della deliberazione n. 1/14 del 13 gennaio 2015, ribadisce la propria funzione di controllo preventivo sugli atti che modificano la struttura organizzativa dell'IZS fino alla nomina dei nuovi organi direttivi, disponendo anche successivamente a queste e nelle more dell'adozione dei nuovi atti aziendali, la preventiva autorizzazione da parte dell'Assessorato delle nuove nomine ancorché si tratti di rinnovi contrattuali di strutture complesse o semplici già esistenti;

appreso che:
- tali determinazioni, palesemente illegittime, del direttore generale dell'Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna sono state segnalate formalmente da un dirigente dello stesso istituto alla direzione generale dell'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, per ben due volte (il 4 settembre 2014 e l'11 dicembre 2014) senza che abbiano ottenuto ad oggi nessuna risposta,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) sia a conoscenza di quanto esposto;
2) intenda intervenire per censurare l'operato degli organi direttivi dell'IZS della Sardegna ponendo rimedio ad una conduzione che rasenta l'irriverenza e rischia di minare l'autorevolezza dell'Assessorato.

Cagliari, 20 febbraio 2015