CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 305/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulle politiche che la Regione intende perseguire per tutelare l'attività dell'Aero Club di Cagliari.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- l'Aero Club di Cagliari è un'associazione sportiva dilettantistica senza scopo di lucro, affiliata al Coni, e costituita nel 1946;
- dal 1946 ha operato come scuola di volo per il conseguimento dei brevetti di primo e secondo grado, dapprima a Monserrato e poi nell'hangar "Savigliano 100" presso l'aeroporto di Elmas, dove tra l'altro ha usufruito anche di due locali adiacenti all'hangar stesso;
- nel 2002 l'ENAC trasferisce tutto il compendio aeroportuale di Elmas alla SOGAER, società a capitale pubblico partecipata tra gli altri dalla Camera di Commercio di Cagliari, dalla SFIRS Spa, dal Banco di Sardegna Spa e dalla Regione;
- l'Aero Club di Cagliari è oggi l'unica scuola di volo in Sardegna, con una media di 11-12 brevetti di pilota rilasciati annualmente;

rilevato che:
- nel 2004 la SOGAER, adducendo urgenti motivi determinati dalla necessità di procedere all'ampliamento dell'aeroporto, ha provveduto a demolire l'hangar Savigliano, sede operativa dell'Aero Club Cagliari, promettendo congiuntamente all'ENAC, verbalmente e per iscritto, la costruzione di un nuovo hangar per Aero Club e Aviazione generale, destinato a ricovero aerei, officina e locali per uffici;
- nella stessa gara d'appalto indetta per la costruzione del nuovo hangar la SOGAER definiva l'oggetto e la destinazione dello stesso "per Aero Club e Aviazione generale";
- nel 2007, terminati i lavori di costruzione del nuovo hangar, la SOGAER propone all'Aero Club la stipula di un contratto di subconcessione riferito ai soli due fatiscenti locali per uso ufficio o a un piccolo hangar e ad un basamento in calcestruzzo, ad un canone pari a quello di mercato e simile quello delle società che svolgono attività commerciale diretta al pubblico che frequenta l'aeroporto;
- l'Aero Club rifiuta di stipulare il contratto in quanto non solo non è stato messo in possesso del nuovo hangar, ma anche perché non viene accettata la riduzione dei canoni del 90 per cento, come espressamente previsto dal DPR n. 41 del 8 gennaio 2012, e come sempre avvenuto prima che la SOGAER divenisse concessionaria dell'aeroporto;

considerato che:
- a seguito del rifiuto da parte dell'Aero Club di stipulare il contratto ha preso corpo un contenzioso dinanzi al Tribunale di Cagliari per il pagamento di 84.000 euro;
- nel corso di questi anni la SOGAER ha emesso numerose fatture nei confronti dell'Aero Club per pagamento di diritti aeroportuali, di approdo, ricovero e sosta allo scoperto, imbarco passeggeri e merci, creando una costante pressione psicologica e materiale nei confronti dell'associazione;
- la SOGAER ha richiesto e ottenuto il sequestro giudiziario dei beni occupati attualmente dall'Aero Club, ovvero un piccolo hangar uso officina e un basamento in calcestruzzo su cui è stata eretta a spese dell'Aero Club la sede sociale;
- non avendo a disposizione i locali per l'officina, sulla base delle disposizioni ENAC, l'AeroClub ha dovuto interrompere l'attività della scuola di volo, con importanti ricadute sulle opportunità formative e occupazionali per i giovani sardi;
- parallelamente, essendo l'Aero Club di Cagliari l'unica scuola di volo abilitata dall'ENAC sul territorio regionale, la chiusura dell'officina rende impossibile la prosecuzione delle attività di formazione sul campo degli studenti degli istituti tecnici a indirizzo aereonautico che frequentano i corsi di conduzione del mezzo aereo;

dato atto che:
- lo stesso ENAC, con nota del 23 maggio 2012, a firma del direttore generale, facendo riferimento all'Aeroporto di Cagliari e al decreto del Presidente della Repubblica n. 296 del 2005, articolo 12, dichiara che "si ritiene applicabile il canone ridotto al 10 per cento previsto dalla circolare 62567/1989, in quanto percentuale già riconosciuta dalla precedente normativa e condivisa dai concessionari, sull'intero territorio nazionale";
- tra lo stesso Aero Club di Olbia e la GEASAR, società di gestione aeroportuale, sussiste un contratto di subconcessione il cui canone annuo è definito in euro 1.281,40,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei trasporti e l'Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale per sapere:
1) quali azioni intendano intraprendere al fine di bloccare l'atteggiamento vessatorio e punitivo della partecipata regionale SOGAER nei confronti dell'Aero Club di Cagliari;
2) quali azioni intendano intraprendere al fine di garantire la prosecuzione della meritoria attività di formazione professionale nel campo aeronautico da parte dell'Aero Club;
3) come intendano intervenire per tutelare aspettative e diritti dei giovani sardi che vogliano avviarsi alle professioni del settore aeronautico.

Cagliari, 2 marzo 2015