CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 313/A

INTERROGAZIONE TOCCO, con richiesta di risposta scritta, in merito al divieto di utilizzo degli impianti sportivi del Parco di Monte Claro a Cagliari.

***************

Il sottoscritto,

premesso che con una nota apparsa lo scorso 2 marzo 2015 all'ingresso del Parco di Monte Claro è stata comunicata la chiusura degli impianti sportivi nei pressi del complesso sulla via Cadello; la struttura con le pertinenze sportive è stata interdetta all'utilizzo per lavori di manutenzione straordinaria che dovrebbero svolgersi nei prossimi giorni;

accertato che il commissario straordinario ha comunicato la decisione riguardante la chiusura degli impianti in modo improvviso ed inaspettato;

esaminato che all'interno degli impianti - che comprendono campi di calcio a cinque, a sette e a undici, una pista di pattinaggio, locali con spogliatoi, docce, ripostigli e un'area verde per altre attività - svolgono le loro attività diversi sodalizi sportivi, che rappresentano dei tasselli fondamentali dal punto di vista sociale ed aggregativo;

tenuto conto che la Provincia detiene la proprietà di tali spazi, ma la Regione non può certo distogliere l'attenzione da un'area usufruita dai cittadini - con diverse società sportive che vi operano - che rientra nel cuore del centro urbano di Cagliari, con possibilità di utilizzo da parte di diverse realtà regionali;

vagliato che, in seguito a questo blocco, rischiano di essere penalizzate e danneggiate diverse società sportive che rappresentano la nostra Regione anche a livello nazionale; si citano, ad esempio, Rvf San Paolo, Delfino femminile, Club San Paolo Calcio a cinque, i Crusaders di football americano e diverse federazioni che svolgono i tornei amatoriali all'interno della struttura;

rilevato che peraltro è stato approvato un apposito regolamento per l'utilizzo degli spazi del Parco di Monte Claro; tale provvedimento è stato poi integrato con altre disposizioni, ma l'uso degli impianti è sempre stato affidato mediante la corresponsione di un canone per l'utilizzo degli spazi sportivi;

constatato che sulla gestione delle aree attorno al parco si è aperta una controversia giudiziaria che lascia aperti diversi dubbi; tale causa non deve però pregiudicare l'attività dei bambini;

valutato che le sopracitate società si trovano ora in forte difficoltà nel trovare altri spazi - anche di proprietà del Comune - all'interno del perimetro urbano, con gravi disagi per gli atleti (la cui pratica sportiva deve essere ritenuta prioritaria e, dunque, da tutelare) e soprattutto con grandi problematiche legate al proseguimento della stagione agonistica in corso; le diverse squadre, iscritte nei vari campionati nazionali o regionali, hanno già minacciato il ritiro;

ritenuto opportuno individuare urgentemente delle soluzioni per rendere fruibili gli spazi all'interno del Parco di Monte Claro, senza costringere i bambini a rinunciare alla pratica sportiva,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale degli enti locali, finanze e urbanistica per:
1) valutare la convocazione di un incontro urgente con il commissario straordinario per l'utilizzo degli impianti sportivi da parte delle società sportive;
2) sapere se l'eventuale riordino degli enti locali preveda il passaggio del patrimonio delle province ad altri enti;
3) assicurare la fruibilità degli spazi compresi all'interno del Parco di Monte Claro all'utilizzo delle diverse realtà comprese nel territorio e non solo.

Cagliari, 6 marzo 2015