CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 318/A

INTERROGAZIONE MORICONI, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata attuazione delle disposizioni contenute ex articolo 66, legge 23 dicembre 2000, n. 388.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- nella legge n. 388 del 23 dicembre 2000 (legge finanziaria 2001) il comma 14 dell'articolo 66 disponeva, a decorrere dall'anno 2004, il trasferimento alle regioni di una somma pari al 50 per cento dell'introito derivante dall'applicazione della tariffa sulle concessioni governative relative alle licenze di porto di fucile per uso caccia;
- tale somma, da ripartire tra le regioni con vincolo di utilizzo per la realizzazione di programmi di gestione faunistico-ambientale, viene erogata dal Ministero delle finanze d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano;

appurato che, per quanto attiene la Regione autonoma della Sardegna, il governo non sembra avere ancora provveduto a dare attuazione a tale norma di legge, accumulando un ritardo di 11 anni sulla data prevista per l'inizio delle erogazioni;

atteso che, in Sardegna, i detentori di licenza di fucile per uso caccia si aggirano sulle 46 mila unità, si deduce che solo nella nostra Isola, considerato che il costo della licenza di porto d'armi per uso venatorio è di 168 euro, più 5,16 euro di addizionale, il prelievo della concessione governativa si aggira sugli 8 milioni di euro annui,

chiede di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere se quanto denunciato corrisponda al vero e, nel qual caso, una volta accertato l'esatto ammontare delle somme, quali azioni la Giunta regionale intenda promuovere al fine di richiedere e ottenere il soddisfacimento del credito maturato dalla Sardegna.

Cagliari, 12 marzo 2015