CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 350/A

INTERROGAZIONE MORICONI, con richiesta di risposta scritta, sugli effetti del mantenimento dei posti di lavoro e dei livelli retributivi del servizio di vigilanza armata, custodia, portierato e manutenzione impianti degli immobili della Regione.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- nel giugno 2014 è stata indetta una gara, suddivisa in tre lotti, per l'affidamento dei servizi di vigilanza armata, portierato, custodia, manutenzione impianti di sicurezza presso gli immobili della Regione autonoma della Sardegna e lavaggio autoveicoli;
- il capitolato speciale d'appalto prevedeva la suddivisione in tre lotti diversi, tenendo conto dell'articolazione territoriale dei beni immobili della Regione Sardegna, e in particolare: lotto 1 (Sedi e immobili della Regione dislocate nelle Province di Cagliari, Carbonia Iglesias e Medio Campidano), lotto 2 (Sedi e immobili della Regione dislocate nelle Province di Oristano, Nuoro e Ogliastra), lotto 3 (Sedi e immobili della Regione dislocate nelle Province di Sassari e Olbia Tempio);
- il criterio di aggiudicazione stabilito era quello del prezzo più basso ai sensi dell'articolo 82 del decreto legislativo n. 163 del 2006 e dell'articolo 283 del decreto del Presidente della Repubblica n. 207 del 2010;
- a ottobre del 2014, il Servizio provveditorato della Direzione generale degli enti locali e finanze ha aggiudicato in via definitiva i lotti 1, 2 e 3 a tre diversi raggruppamenti di imprese;
- ai primi di aprile del 2015 è stato stipulato il contratto d'appalto per i lotti 1 e 2;
- nel servizio di vigilanza armata sono impiegati attualmente diversi lavoratori che prestano la loro attività lavorativa nei beni immobili di proprietà della Regione e che rischiano una sensibile riduzione della retribuzione a causa della modifica delle attività prestazionali richieste non riconducibili all'attuale contratto di vigilanza armata,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale enti locali, finanze e urbanistica per sapere:
1) quali siano state le motivazioni che hanno indotto l'amministrazione regionale a prevedere nel capitolato speciale di gara sia i servizi di portierato che di vigilanza armata, anziché il solo servizio di vigilanza armata;
2) quale tipo di contratto le ditte risultate aggiudicatarie abbiano dichiarato, in sede di gara, di applicare ai lavoratori impiegati nel servizio di portierato;
3) se scaturiranno differenze retributive tra il contratto applicato dalle ditte risultate aggiudicatarie, rispetto al precedente CCNL applicato;
4) quali misure siano state poste in essere dall'amministrazione regionale per la salvaguardia dei livelli occupazionali e per garantire parità dei livelli retributivi rispetto al precedente contratto.

Cagliari, 14 aprile 2015