CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 352/A

INTERROGAZIONE TEDDE - PERU - PITTALIS, con richiesta di risposta scritta, sulle azioni che la Giunta regionale intende svolgere a seguito della decisione della società S&B Industrial Minerals S.A. di cessare l'attività produttiva presso la miniera di bauxite di Olmedo, con contestuale e conseguente licenziamento dei dipendenti e dismissione degli impianti.

***************

I sottoscritti,

premesso che, con lettera raccomandata recapitata qualche giorno fa, l'amministratore della società S&B Industrial Minerals S.A., titolare della concessione estrattiva di bauxite presso il sito minerario di Olmedo, ha comunicato ai propri dipendenti l'imminente decisione di procedere alla cessazione dell'attività produttiva con conseguente e contestuale dismissione degli impianti e licenziamento dei 35 dipendenti attualmente occupati presso la sede di Olmedo;

preso atto che le motivazioni addotte dalla società per mezzo del proprio rappresentante legale quali cause fondanti l'infausta decisione di chiudere il sito minerario di Olmedo, sono la presunta riduzione dei margini di profitto determinata dall'andamento dei prezzi sempre più bassi per la presenza di grandi giacimenti mondiali presso i quali i costi di estrazione sono più competitivi, rendendo possibile accrescere notevolmente i livelli di produttività rispetto a quelli del giacimento di Olmedo;

preso atto, altresì, che le perdite operative e le difficoltà di penetrazione dei mercati rappresentate dalla società non paiono in linea con i risultati fino a oggi ottenuti attraverso lo svolgimento dell'attività produttiva presso il sito minerario sardo di bauxite, l'unico esistente in Italia, i quali, al contrario, tracciano una situazione economico-aziendale florida e coerente con i principali indicatori di competitività, corroborata dagli incoraggianti recenti traguardi raggiunti in termini di produttività, numero crescente di commesse e ricevute risultati economici ben lontani da quelli caratteristici di una crisi aziendale;

rilevato che l'inaspettata e ingiustificata cessazione dell'attività produttiva determinerà il licenziamento di 35 lavoratori dipendenti con conseguenze che nell'immediato si ripercuoteranno negativamente sulle famiglie dei lavoratori, per molte delle quali la miniera costituisce l'unica fonte di reddito e di sostentamento, con un impatto negativo sotto il profilo sociale ed economico sul territorio e esiti al momento difficilmente calcolabili;

rilevato, altresì, che, sul medio-lungo periodo, la decisione contribuirà ad arricchire il novero di eventi che stanno negativamente caratterizzando la storia e l'andamento del sistema produttivo sardo, soggetto con sempre maggiore frequenza a fenomeni d'impoverimento, sferrando l'ennesimo duro colpo all'economia della Sardegna e alla serenità di numerosi sardi il cui futuro è sempre più incerto e privo di speranza;

osservato che l'inattesa decisione e la rapidità dei tempi entro i quali la stessa è destinata ad esplicare i propri effetti, assume contorni ancora più preoccupanti ed allarmanti in considerazione della mancanza di indizi prodromici che potessero anche solo lasciare intendere o presagire un simile epilogo, con conseguenze particolarmente drammatiche per i 35 lavoratori e le relative famiglie che rischiano di trovarsi letteralmente da un giorno all'altro senza lavoro e senza un reddito che consenta loro di sopravvivere;

osservato, altresì, che, come sopra accennato, i dati e le informazioni sull'andamento della gestione confliggono con quanto rappresentato dai vertici della società rendendo, pertanto, impossibile comprendere le reali ragioni che hanno indotto la società greca ad assumere una decisione tanto drastica quanto improvvisa e priva di fondate giustificazioni;

considerate, invece, le enormi potenzialità del sito minerario di bauxite di Olmedo, anche alla luce dei brillanti risultati aziendali recentemente conseguiti, che costituiscono un'opportunità per l'intero territorio regionale e, in particolare, per l'economia della Sardegna nord-occidentale,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per sapere:
1) quali siano le iniziative che l'Amministrazione regionale intende intraprendere al fine di salvaguardare il valore economico-produttivo e occupazionale del sito minerario di bauxite di Olmedo, nel quadro delle azioni di politica industriale che la Regione intende attuare;
2) quali siano nell'immediato gli interventi presso i vertici della società S&B Industrial Minerals S.A per scongiurare la chiusura della miniera e il conseguente e contestuale licenziamento di 35 lavoratori sardi.

Cagliari, 15 aprile 2015