CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 353/A

INTERROGAZIONE MANCA Pier Mario - CHERCHI Augusto - UNALI, con richiesta di risposta scritta, sui gravi ritardi nell'erogazione del carburante agevolato per il comparto agricolo isolano.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- la normativa nazionale prevede per gli operatori del settore primario una notevole riduzione delle accise sui derivati del petrolio al fine di permettere agli agricoltori di operare con costi energetici ridotti nelle fasi di produzione e trasformazione delle produzioni primarie;
- i consumi medi standardizzati di gasolio da ammettere all'impiego agevolato di cui al decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali del 26 febbraio 2002 sono stati ridotti del 25,64 per cento con la legge di stabilità 2013, 2014 e 2015;
- considerato che la Regione per il 2015 ha assegnato un acconto del 40 per cento del carburante sul totale annuo che, come denunciato dalle associazioni di categoria, rappresenta una quantità assolutamente insufficiente alle esigenze delle aziende isolane e in particolare delle aziende e delle cooperative che lavorano il latte ovino, che nei primi mesi dell'anno hanno il picco di produzione;

considerato che:
- il settore primario da anni vive una gravissima crisi e i danni derivanti dai ritardi, ovvero dalla mancata erogazione in tempi rapidi del gasolio agevolato, comportano un'ulteriore e ingiustificata perdita di competitività del settore rispetto al resto delle regioni italiane;
- il quantitativo assegnato secondo i parametri nazionali è stato decurtato del 25,64 per cento rispetto al 2012 (fatto pari a 100 il quantitativo assegnato nel 2012 è diventato 90 litri nel 2013, 85 litri nel 2014 e 74,36 nel 2015) e gli agricoltori e i trasformatori si trovano a sostenere spese non previste e non prevedibili per le normali attività aziendali;

evidenziato che:
- la mancata erogazione della restante quota è dovuta essenzialmente a lungaggini burocratiche e in particolare a ritardi da imputare in modo esclusivo all'agenzia regionale Argea che non ha preventivamente aggiornato i programmi informatici alle nuove procedure derivanti dalla riduzione dei quantitativi assegnati a seguito delle disposizioni nazionali;
- l'Assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale non è intervenuto, nonostante l'evidente ritardo dell'agenzia, al fine di mettere in mora l'Argea che aveva l'obbligo di fare con largo anticipo la convenzione con Sardegna.it per implementare il nuovo programma di gestione dei carburanti agevolati,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere:
1) se sia a conoscenza dei gravi ritardi nell'erogazione della quota rimanente del 60 per cento dei carburanti agevolati derivati dall'ingiustificabile ritardo nella implementazione del nuovo programma di gestione;
2) quali siano le motivazioni che hanno impedito di fare un contratto con Sardegna.it in modo tempestivo al fine di non arrecare disguidi e costi ingiustificati agli operatori del settore primario;
3) quali urgenti provvedimenti intenda adottare al fine di evitare il protrarsi del ritardo nella erogazione del carburante al settore primario, dovuto unicamente a inefficienze e appesantimenti burocratici, ovvero intervenire per dare immediatamente un ulteriore acconto del carburante dovuto sul totale annuo.

Cagliari, 15 aprile 2015