CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 360/A

INTERROGAZIONE ARBAU - LEDDA - AZARA - PERRA, con richiesta di risposta scritta, sui gravi problemi generati dai ritardi nell'aggiornamento dei sistemi informatici che hanno bloccato le assegnazioni del gasolio agricolo.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- in Sardegna, si rilasciano, in attuazione del decreto ministeriale n. 454 del 14 dicembre 2001 e del decreto dell'Assessore dell'agricoltura e della riforma agro-pastorale del 28 novembre 2006, n 1152, ogni anno 18.900 libretti Uma, per un'assegnazione totale di circa 112 milioni di litri di gasolio agricolo;
- nell'anno in corso si registra un pesantissimo ritardo nell'assegnazione dei suddetti libretti agli agricoltori sardi;
- sono stimati in milioni di euro i costi aggiuntivi per gli imprenditori agricoli dovuti alle mancate assegnazioni del gasolio agricolo;
- già lo scorso anno, la Regione aveva omesso di applicare le riduzioni del 15 per cento nelle assegnazioni imposte dalla legge di stabilità, rischiando di far pagare la differenza ai beneficiari;

considerato che:
- gli agricoltori stanno pagando il gasolio 0,64 centesimi in più: 1,47 euro anziché 0,83, soldi che non si vedranno restituire;
- ovviamente le macchine agricole non si possono fermare, soprattutto in questo periodo, che per chi lavora in campagna è uno dei più impegnativi;

evidenziato che:
- l'agricoltura in Sardegna è un settore progressivamente messo in ginocchio dalla crisi;
- pagare il carburante a 0,64 centesimi in più significa un aggravio dei costi di circa 71.680.000 euro;
- l'attuale situazione, ereditata dalla precedente gestione assessoriale, dovuta a una sospensione del servizio informatico competente, causa, dunque, il blocco delle assegnazioni di gasolio agricolo;
- chi lavora la terra è obbligato ad andare a rifornire i propri trattori nei distributori, con un consistente aggravio dei costi,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere:
1) se sia venuto a conoscenza dei gravi problemi derivati agli agricoltori a seguito dell'ingiustificabile ritardo nella distribuzione dei libretti Uma;
2) quali siano le motivazioni che per l'ennesima volta hanno impedito una tempestiva e regolare distribuzione degli stessi;
3) quali urgenti azioni e provvedimenti intenda adottare al fine di evitare il protrarsi del ritardo nella distribuzione dei libretti Uma, limitando ulteriori danni alle aziende del comparto agricolo, già in ginocchio per la crisi economica, e che si trovano spesso a dover subire conseguenze negative dovute a inefficienze e appesantimenti burocratici proprio da parte di apparati regionali che dovrebbero, invece, garantire il massimo sostegno e il necessario supporto nella realizzazione delle misure che si ritengono necessarie per la tutela dell'importantissimo settore su cui si basa gran parte dell'economia della nostra regione.

Cagliari, 21 aprile 2015