CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 372/A

INTERROGAZIONE MORICONI, con richiesta di risposta scritta, sui disagi al traffico derivanti dalla chiusura della strada statale 554 bis.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- si stanno verificando puntualmente i paventati disagi al traffico automobilistico derivanti sia dal mancato completamento della strada statale 554 bis, che dal crollo verificatosi recentemente al chilometro 3 della suddetta arteria, strada che riveste una fondamentale importanza per lo sviluppo turistico, il traffico commerciale e quello residenziale, in quanto collega l'area metropolitana della Città di Cagliari, il porto, l'aeroporto e la strada statale 131 col sistema costiero sino al centro di Villasimius;
- lo scorso fine settimana si è avuto un anticipo di quanto di disastroso potrebbe accadere nella imminente stagione estiva, dove si sono formate code chilometriche e ingorghi, anche all'interno delle gallerie, sino a rasentare situazioni di oggettivo pericolo per gli automobilisti intrappolati e i cittadini dei centri collegati lungo la fascia costiera letteralmente isolati dal sistema stradale collassato;

atteso che l'ANAS, in un recente incontro tenutosi a Sinnai alla presenza dell'Assessore regionale dei lavori pubblici, dei sindaci e amministratori interessati, degli operatori economici e di consiglieri regionali, aveva assunto impegni stringenti, garantendo un'immediata azione di controllo e supporto al traffico, nel tratto interessato alla chiusura e negli snodi stradali interessati al traffico costiero, al fine di evitare intasamenti, code e blocchi nello scorrimento del traffico;

rilevato che:
- questo manifesto impegno dell'ANAS, come detto in premessa, è stato clamorosamente disatteso ed è facile ipotizzare che, a parte il gravissimo disagio arrecato, il danno all'immagine turistica dell'Isola ne uscirà verosimilmente ridimensionato, cagionando un grave pregiudizio per un territorio che, puntando principalmente sul turismo per il proprio rilancio economico, risulta totalmente privo di strutture e collegamenti all'altezza delle esigenze;
- lo stato disastroso in cui versa la 554 bis, proprio a causa di tale superficialità e cattiva conduzione dell'ANAS, non può e non deve riversarsi sulle comunità e sui centri che insistono nell'area interessata alla rete stradale gestita dall'Azienda con gravi ripercussioni di carattere economico e sociale,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere se, alla luce di quanto esposto, al fine di evitare che i continui disservizi e le carenze organizzative dell'ANAS possano comportare pericolose conseguenze a danno della sicurezza dei cittadini e dell'ordine pubblico in generale, oltre un grave pregiudizio per un territorio che punta principalmente sul turismo come volano di sviluppo per il proprio rilancio economico, non ritengano opportuno intraprendere ulteriori iniziative idonee a definire un vero e proprio piano di emergenza del traffico automobilistico, col quale garantire ai cittadini e agli automobilisti gli standard minimi di sicurezza necessari per il periodo estivo e richiamare, in modo formale, l'ANAS a espletare in modo rigoroso la vigilanza e la regolazione del traffico sulle strade di loro competenza e richiedere una rafforzata azione di supporto onde evitare pericoli, code e disservizi, per l'intero periodo estivo e sino al completamento dei lavori di ripristino della strada.

Cagliari, 4 maggio 2015