CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 399/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla gravissima situazione generata dal mancato aggiornamento del tariffario regionale delle prestazioni di diagnostica radiologica.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il tariffario regionale delle prestazioni di diagnostica appare non essere al passo con i tempi;
- esso, invero, è carente di moltissime voci corrispondenti a prestazioni richieste dagli specialisti e, dunque, non risulta essere aggiornato rispetto alle nuove tecnologie ed alle nuove metodiche di indagine;
- per esempio "l'angio TC circolo cerebrale", prestazione molto richiesta dagli specialisti, non figura nel tariffario regionale;
- pertanto, quando il paziente prenota la prestazione, gli operatori del centro unico prenotazioni (CUP) si ritrovano nella difficoltosa situazione di registrare la prestazione sotto falso nome, ossia con riferimento ad una prestazione similare presente nel tariffario;
- tali carenze sono foriere di moltissimi problemi gestionali organizzativi delle varie strutture ospedaliere interessate, inevitabilmente, dalla problematica;

evidenziato che:
- tale modus operandi incide negativamente sulla gestione delle prestazioni rimborsabili nonché sulla valutazione qualitativa del reparto radiologico interessato;
- infatti, moltissime prestazioni, anche di elevato valore di rimborso, a causa della loro assenza dal tariffario regionale, vengono omesse oppure banalizzate con voci non corrispondenti alla prestazione effettivamente resa;
- la mancata tracciabilità, anche ai fini statistici, delle prestazioni effettivamente eseguite dalla struttura, come facilmente desumibile, può avere delle ripercussioni negative all'atto della valutazione dell'operatività di un determinato reparto anche in termini di permanenza in funzione dello stesso;
- inoltre, non può sfuggire la ripercussione negativa di carattere economico determinata dal mancato introito, in termini di rimborso, di prestazioni rese ma non tracciabili per mancato aggiornamento del tariffario regionale;

preso atto che è necessario ed improcrastinabile procedere all'aggiornamento del tariffario regionale delle prestazioni di diagnostica radiologica,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale:
1) per sapere se siano a conoscenza della questione evidenziata;
2) per sapere quali siano i provvedimenti che la Regione intende attuare al fine di far sì che l'aggiornamento del tariffario avvenga in tempi brevi, onde evitare di pregiudicare gli interessi delle strutture regionali coinvolte dalla problematica;
3) per conoscere le eventuali tempistiche necessarie per fornire una soluzione al suindicato e delicato problema.

Cagliari, 19 maggio 2015