CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 408/A

INTERROGAZIONE TEDDE - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata nomina del responsabile della trasparenza e della prevenzione anticorruzione presso l'Azienda ospedaliero-universitaria (AOU) di Sassari.

***************

I sottoscritti,

premesso che la legge n. 190 del 6 novembre 2012, recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione", prevede la nomina nell'ambito delle pubbliche amministrazioni del responsabile della prevenzione della corruzione;

premesso, altresì, che la mancata nomina del responsabile della prevenzione della corruzione, prevista dall'articolo 1, comma 7, della legge n. 190 del 6 novembre 2012, comporta gravissime responsabilità e conseguenze in capo all'organo di indirizzo politico o di vertice su cui incombe l'obbligo di individuazione e nomina della suddetta figura;

dato atto che, con deliberazione del Direttore Generale n. 372 del 20 maggio 2013, l'AOU di Sassari nominava il proprio responsabile della corruzione al quale, con deliberazione dello stesso direttore generale n. 508 del 5 luglio 2013, veniva affidato anche l'incarico di responsabile della trasparenza dell' AOU di Sassari;

dato atto, altresì, che con deliberazione n. 139 del 13 aprile 2015, a firma del commissario straordinario dell'AOU, veniva affidata la direzione del Servizio economato e provveditorato al medesimo dirigente, incaricato, rispettivamente, con deliberazioni nn. 372 e 508 del 2013, di ricoprire il ruolo di responsabile della corruzione e della trasparenza;

considerato che, con il medesimo provvedimento il commissario straordinario dell'AOU di Sassari deliberava, altresì, che il dirigente in questione "non potrà più proseguire in tale funzione", riferendosi a quella da quest'ultimo svolta in qualità di responsabile della corruzione e della trasparenza e che con immediato e separato provvedimento sarebbe stato individuato il nuovo responsabile;

considerato, pertanto, che l'atto commissariale n. 139 del 13 aprile 2015 dispone la revoca dell'incarico di responsabile della corruzione e trasparenza, rinviandone il nuovo conferimento ad altro e successivo atto;

accertato che, dal 13 aprile scorso a oggi, contrariamente a quanto previsto dalla richiamata deliberazione n. 139 del 2015, non è stato adottato il provvedimento di nomina del nuovo responsabile della corruzione e della trasparenza dell'AOU di Sassari, ragione per cui, attualmente, l'importante istituzione sanitaria è priva della principale figura prevista dalla legge n. 190 del 6 novembre 2012, circostanza che integra una gravissima violazione degli obblighi posti a carico degli organi di vertice e non consente l'espletamento delle verifiche e dei controlli a scopo preventivo e repressivo, ai fini delle trasparenza e del contrasto alla corruzione;

osservato che, anche nell'ipotesi in cui la deliberazione n. 139 del 13 aprile 2015 sia intesa, con vistosa evidente forzatura interpretativa, come atto finalizzato al conferimento di un nuovo incarico aggiuntivo a quello di responsabile della corruzione e della trasparenza, emergerebbero gravissimi profili di incompatibilità disciplinati dalla legge n. 190 del 2012, che vieta l'assunzione di funzioni gestionali da parte del responsabile della corruzione e trasparenza, nel caso specifico ancor più gravi e preoccupanti trattandosi della direzione del Servizio economato e provveditorato,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per sapere:
1) quali siano le ragioni alla base della preoccupante violazione delle norme di contrasto alla corruzione e ai crimini contro la pubblica amministrazione;
2) per quali ragioni gli uffici regionali deputati a esercitare il controllo sul funzionamento delle AOU non abbiano rilevato la grave omissione rappresentata e denunciata con la presente interrogazione;
3) quali interventi porrà in essere presso il commissario straordinario dell'AOU di Sassari, recentemente nominato dalla Giunta regionale, affinché provveda alla nomina del responsabile della corruzione e della trasparenza, rimuovendo gli effetti delle gravi violazioni agli obblighi e alle prescrizioni previste dalla legge n. 190 del 2012;
4) quali iniziative l'Amministrazione regionale intraprenderà per scongiurare il ripetersi di simili gravi violazioni.

Cagliari, 22 maggio 2015