CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 450/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sui gravi disagi a cui è sottoposta la popolazione di San Vito a causa della ridotta dotazione di personale del locale ufficio postale.

***************

Il sottoscritto,

premesso che gli uffici postali forniscono servizi di pubblica utilità, fondamentali per piccole e grandi comunità e che, se dovessero essere ridotti, cancellati o ridimensionati, gli utenti dovrebbero trasferirsi nei centri più grandi, creando situazioni di discriminazione tra i cittadini e difficoltà oggettive soprattutto per tutti gli utenti, in particolare gli anziani, che già vivono complicate condizioni di mobilità;

considerato che:
- nel comune di San Vito, in provincia di Cagliari, centro importante del Sarrabus con oltre 3600 abitanti, con una popolazione che nel periodo estivo conosce un sensibile incremento, ormai da alcuni anni l'ufficio postale opera con la presenza di soli due dipendenti e, solo in casi rari, si nota la presenza di un terzo dipendente, provocando gravi disagi agli utenti, costretti a subire interminabili code agli uffici;
- la quantità e qualità dei servizi offerti dalle Poste Italiane negli ultimi anni è cresciuta notevolmente, incidendo sul volume di lavoro giornaliero dei dipendenti, che sono chiamati a compiere nuove e molteplici attività;
- il numero degli operatori che compongono il gruppo di lavoro dell'ufficio di San Vito non è mai stato adeguato alla crescita del volume di lavoro, tanto che non è difficile comprendere come, sempre più spesso si verifichino spiacenti episodi riconducibili alla mancanza di personale;

valutato che:
- l'ufficio postale ha visto il proprio organico ridotto di un'unità, a causa di un trasferimento ad altro ufficio, senza che questa sia stata sostituita nel tempo;
- uno dei due funzionari in servizio presso l'ufficio postale di San Vito, peraltro, ha un'operatività ridotta, tanto che l'ufficio postale si trova in molti casi con un solo funzionario addetto all'apertura, al funzionamento dello sportello, centralinista e, allo stesso tempo, direttore;
- l'ufficio postale di San Vito non è dotato di sistema moderni di eliminacode e/o di sistemi moderni di pagamento automatizzato;

appurato che:
- l'attività dell'ufficio postale di San Vito ne ha risentito tanto da provocare le proteste della cittadinanza e la presentazione di varie mozioni nell'assemblea comunale della stessa cittadina del Sarrabus;
- nonostante la mobilitazione civica e assembleare e gli articoli nelle principali testate, al momento, non risulta sia stata presa alcuna decisione per poter dotare l'ufficio di altre risorse umane tanto da poter soddisfare nei tempi celeri le giuste richieste dell'utenza;

considerato che l'ufficio postale di San Vito, sia per il bacino di utenza che per il tipo di servizi offerti, merita lo stesso trattamento e considerazione degli uffici postali operanti nei paesi limitrofi, per cui sarebbe opportuno e inderogabile potenziarne le unità operative al fine di eliminare i gravi disagi che l'intera popolazione è costretta a subire,

chiede di interrogare l'Assessore regionale degli enti locali, finanze e urbanistica per sapere:
1) se sia informato della situazione di grave disagio che vivono i cittadini di San Vito, a causa delle condizioni di parziale operatività e di mancanza di risorse umane dell'ufficio postale di San Vito;
2) quali azioni intenda intraprendere nei confronti della Direzione generale Sardegna delle Poste Italiane Spa, al fine di ripristinare presso l'ufficio postale di San Vito le condizioni di normale operatività.

Cagliari, 15 luglio 2015