CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 458/A

INTERROGAZIONE TATTI, con richiesta di risposta scritta, sulla discriminazione ai danni dei docenti precari sardi aspiranti al ruolo nella scuola pubblica, a seguito dell'approvazione della legge 13 luglio 2015, n. 107 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti).

***************

Il sottoscritto,

premesso che è stata approvata la legge 13 luglio 2015, n. 107 di riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti, che, tra l'altro, ridefinisce le modalità di accesso al ruolo dei docenti della scuola pubblica;

considerate le due graduatorie in cui sono inseriti i docenti aspiranti al ruolo nella scuola pubblica:
- graduatorie a esaurimento: sono iscritti i docenti provvisti di abilitazione all'insegnamento; le graduatorie sono strutturate su base provinciale, vengono aggiornate ogni tre anni per quanto riguarda i titoli e le posizioni degli iscritti, ma sono chiuse all'inserimento di nuovi nominativi, pertanto queste graduatorie sono destinate a esaurirsi;
- graduatorie di merito: sono presenti i docenti vincitori di concorso pubblico a cattedre; rilevato che le diverse tipologie di aspiranti al ruolo nella scuola pubblica sono composte da:
- coloro che hanno superato un concorso ordinario prima del 2012 (graduatorie concorso del 1990 e del 1999 ancora in vigore); i soggetti interessati sono in buona parte iscritti nelle graduatorie provinciali a esaurimento in prima e seconda fascia su due province e, di fatto, precedono nella graduatoria a esaurimento i docenti della successiva tipologia; la graduatoria di merito concorsuale e la graduatoria a esaurimento dove sono iscritti tali docenti comprende, quindi, gli idonei dei vecchi concorsi;
- coloro che hanno superato il concorso riservato bandito nel 1999 sono iscritti nella graduatoria a esaurimento in terza fascia; sono i precari storici che, da oltre venti/venticinque anni, insegnano con continuità nelle scuole dell'unica provincia in cui sono iscritti, danneggiati a più riprese dalla normativa di questi anni e che accoglie tutti i docenti sardi della classe di concorso A017 (area economico-aziendale);
- coloro che hanno superato il concorso ordinario bandito su base regionale nel 2012, che, a seguito dell'approvazione della legge n. 107 del 2015, ha reso tale graduatoria di valenza nazionale facendo rientrare anche gli idonei tra i beneficiari delle immissioni in ruolo, numerose regioni Italiane, tra cui la Sardegna, non hanno bandito tale concorso;

rilevato che:
- nel 2012, solo nove regioni hanno indetto il concorso, avente validità regionale, relativo alla classe A017 (discipline economico-aziendali) e tra queste regioni non rientra la Sardegna;
- in base alla precedente normativa, i vincitori del concorso su base regionale avrebbero dovuto occupare le cattedre vacanti e disponibili al 50 per cento con la graduatoria a esaurimento, mentre, di fatto, la legge n. 107 del 2015 dà al concorso una valenza nazionale, penalizzando ulteriormente i docenti sardi della classe A017, per la quale non è stato bandito alcun concorso per la Sardegna;

tenuto conto che, in Sardegna, non ci sono posti vacanti nella classe A017 (discipline economiche-aziendali) e che, non essendo stato bandito il concorso ordinario nel 2012, sarebbe stato auspicabile che i posti aggiuntivi dell'organico potenziato venissero destinati ai soli iscritti alla graduatoria a esaurimento, mentre la legge n. 107 del 2015 prevede che la graduatoria sia nazionale (su tutte le province) e che gli iscritti nelle graduatorie concorsuali 2012 nelle fasi b) e c) precedano gli iscritti nelle graduatorie a esaurimento;

considerato che il comma 100 dell'articolo 1 della legge n. 107 del 2015 prevede che all'assunzione si provveda scorrendo l'elenco di tutte le iscrizioni nelle graduatorie, dando priorità ai soggetti iscritti nella graduatoria di merito, rispetto agli iscritti nelle graduatorie a esaurimento e, in subordine, in base al punteggio posseduto per ciascuna classe di concorso;

ritenuto che, di fatto, tutti i posti di potenziamento di cui alla tabella 1 della legge n. 107 del 2015 saranno assegnati alla graduatoria di merito e che le graduatorie a esaurimento saranno interessate solo marginalmente dal piano di assunzioni, pur avendo in graduatoria docenti che vantano servizi ultra ventennali nel mondo della scuola, permettendo così a docenti di altre regioni di coprire le cattedre disponibili in Sardegna,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto esposto in premessa;
2) se non intendano intraprendere adeguati contatti con il MIUR, sollevando con la massima sollecitudine la questione, affinché si apportino modifiche che prevedano un'equa ripartizione dei posti tra le graduatorie di merito e quelle a esaurimento, anche nelle fasi b) e c), indicate all'articolo 1, comma 100, della legge n. 107 del 2015, al fine di tutelare i diritti dei docenti sardi della classe di concorso A017 (area economico-aziendale).

Cagliari, 22 luglio 2015