CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 470/A

INTERROGAZIONE PIZZUTO, con richiesta di risposta scritta, sulla preoccupante situazione della fabbrica di estrazione e lavorazione di bentonite a Piscinas, provincia di Carbonia-Iglesias.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la Società sarda di bentonite Srl (SSB Srl) deteneva una concessione mineraria denominata Santa Brà, nel Comune di Piscinas (CI), finalizzata alla coltivazione del giacimento di argilla bentonitica;
- la produzione di bentonite ha un ampio mercato costituito da granulati e macinati per farmaceutica e cosmesi, trattamento acque, fonderia, ingegneria civile, enologia, vagliati per lettiera animali;
- la Società sarda di bentonite Srl produce, dal 1982, materiale confezionato granulato, vagliato e macinato, utilizzato come lettiere per animali;
- nel corso degli anni, la società SSB Srl ha cambiato diverse compagini societarie e, fino al 30 giugno 2015, era detenuta dalla multinazionale elvetica Clariant;
- già nel giugno del 2014, la Clariant annunciava le trattative in atto per cedere il ramo d'azienda costituita dalla Società sarda di bentonite Srl alla nuova Società Polar Srl;

preso atto che, dal 1° luglio 2015, la società Polar Srl è subentrata alla Clariant nella gestione della fabbrica di argilla bentonitica sulcitana e che, pertanto, la nuova proprietà risulta titolare di tutti i rapporti pregressi;

considerato che, nella fabbrica di Piscinas, sono impiegati sia lavoratori dipendenti della Società sarda di bentonite Srl e sia lavoratori dipendenti delle ditte esterne, occupati per l'espletamento dei servizi accessori all'attività estrattiva, di trasformazione e trasporto, per un totale di circa 35 unità;

tenuto conto che:
- ai sensi dell'articolo 2112 del Codice civile (Mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimento d'azienda) "il rapporto di lavoro continua con il cessionario e il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano" e che "il trasferimento d'azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento";
- ai sensi dell'articolo 47 della legge n. 428 del 1990 (Legge comunitaria per il 1990), come modificato dalla legge 134 del 2012 (conversione del disegno di legge n. 83 del 2012), si definiscono le procedure di comunicazione obbligatoria preliminare in cui devono essere coinvolte le rappresentanze sindacali o i sindacati di categoria nei casi di trasferimento di azienda e, ulteriormente, si definiscono tassativamente procedure e delimitati casi in cui l'articolo 2112 del Codice civile può essere disapplicato;

accertato che la Società sarda di bentonite Srl non rientra nei casi di disapplicazione dell'articolo 2112 del Codice civile;

appreso che:
- dai riscontri effettuati, risulterebbe che, in data 6 luglio 2015, sia stato estromesso e licenziato il responsabile della produzione (dipendente della ditta madre), per ragioni di riorganizzazione del sito produttivo;
- inoltre, sono già state inoltrate le lettere di licenziamento a cinque lavoratori dipendenti, impiegati in due delle ditte esterne che si occupano dei servizi accessori;
- nei giorni scorsi, è stato diffuso un comunicato aziendale ai lavoratori che differisce il pagamento degli stipendi di luglio;

considerato che già l'articolo 28 della legge regionale n. 30 del 1989 definiva come elementi determinanti per la decadenza delle autorizzazioni e delle concessioni regionali, in particolare, la sopravvenuta incapacità tecnico-economica del titolare e la persistente inadempienza ai contratti di lavoro e alle norme che regolano la sicurezza e l'integrità fisica dei lavoratori;

appreso, inoltre, che:
- in fase di trattativa della cessione del ramo d'azienda, la Clariant era stata contattata dalla società Laviosa minerals Spa, con sede a Livorno, e già proprietaria di un sito produttivo a Villaspeciosa;
- la Laviosa minerals Spa aveva, inoltre, incontrato le rappresentanze sindacali dei lavoratori, la Confindustria e i sindaci di due dei paesi maggiormente interessati alla prosecuzione dell'attività produttiva della Società sarda di bentonite Srl (Giba e Piscinas),

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'industria:
1) per sapere se sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali provvedimenti urgenti di competenza intenda adottare, al fine di addivenire a una soluzione che tuteli tutti i posti di lavoro, diretti e indiretti, del sito produttivo;
2) per richiedere maggiori notizie e informazioni circa:
a) l'esistenza e la solidità del piano industriale presentato dalla Polar Srl;
b) l'eventuale modifica degli assetti organizzativi e l'organigramma societario proposto;
c) la composizione societaria attuale della Polar Srl e la persistenza, nella stessa compagine societaria, di soci in grado di supportare con esperienza pluriennale un piano sostenibile per la gestione produttiva e i livelli occupazionali;
d) la verifica della situazione tecnico-economica della Polar Spa, alla luce dell'articolo 28 della legge regionale n. 30 del 1989;
3) per conoscere, inoltre, se vi siano state interlocuzioni formali e, in questo caso, quali siano le motivazioni della mancata prosecuzione, tra l'Assessorato regionale dell'industria e la società Laviosa minerals Spa.

Cagliari, 30 luglio 2015