CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 471/A

INTERROGAZIONE FORMA, con richiesta di risposta scritta, sul Programma di inclusione sociale a favore di soggetti sottoposti a misure penali - annualità 2014, nonché sull'adozione del Programma integrato di interventi di cui all'articolo 9 della legge regionale n. 7 del 2011.

***************

La sottoscritta,

premesso che:
- l'articolo 7 della legge regionale 7 febbraio 2011, n. 7, promuove il reinserimento lavorativo e sociale di detenuti ed ex detenuti anche attraverso il finanziamento di progetti sperimentali diretti a incentivare nuove professionalità e nuove forme imprenditoriali, d'intesa con l'amministrazione penitenziaria;
- la suddetta legge regionale, all'articolo 9, prevede che la Giunta regionale approvi ogni anno, previo parere delle commissioni consiliari competenti, un programma di interventi di carattere professionale, educativo, sanitario, sociale e culturale diretti al sostegno del percorso di recupero e riabilitazione e allo sviluppo di un percorso di reinserimento sociale e lavorativo sulla base delle priorità da essa previste;
- con deliberazione di Giunta regionale n. 48/18 del 1° dicembre 2014 sono stati destinati euro 1.300.000 del Fondo nazionale delle politiche sociali 2014 al finanziamento delle proposte progettuali destinati ai soggetti di cui alla legge regionale n. 7 del 2011;
- con determinazione n. 19134/742 del 29 dicembre 2014 a firma del direttore del Servizio programmazione e integrazione sociale della Direzione generale delle politiche sociali dell'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale è stato approvato l'avviso pubblico per il finanziamento di proposte progettuali per l'inclusione sociale in favore di soggetti sottoposti a misure penali, presentate da associazioni e cooperative sociali operanti in Sardegna nell'ambito dell'integrazione sociale di soggetti sottoposti a misure penali (detenuti, ex detenuti e soggetti sottoposti a misure alternative);
- con determinazione n. 1009/11 del 27 gennaio 2015 il medesimo dirigente ha provveduto ad integrare la determinazione n. 19134/742 del 29 dicembre 2014 estendendo anche alle associazioni di promozione sociale il diritto di presentare specifici progetti e posticipando al 27 febbraio 2015 il termine ultimo per la presentazione degli stessi;

considerato che:
- con determinazione n. 10706/415 del 30 giugno 2015 è stato realizzato il programma per l'inclusione sociale di cui al bando precedentemente citato e approvata la graduatoria dei 29 soggetti richiedenti risultati idonei di cui solo 15 ammessi a finanziamento;
- fra i soggetti esclusi dal finanziamento risultano alcune associazioni che, lavorando da tempo nel mondo della detenzione, hanno acquisito una notevole professionalità e sviluppato specifiche sensibilità necessarie per operare in tali problematiche realtà;
- dall'analisi dei progetti finanziati si rileva uno sbilanciamento della distribuzione territoriale che incide in modo sfavorevole relativamente ad alcuni territori che peraltro storicamente manifestano il bisogno di tali misure di intervento sociale,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) ritenga di dovere intervenire per individuare nuove risorse con le quali consentire la realizzazione dei progetti giudicati idonei e non finanziati ovvero ripartire in maniera equa le risorse disponibili fra tutti i progetti ammessi;
2) non ritenga opportuno un suo intervento al fine di integrare i criteri di valutazione dei progetti introducendo un qualche elemento che determini il riequilibro territoriale nella distribuzione delle risorse disponibili;
3) abbia in animo di impegnare la propria struttura affinché si concretizzi a breve la realizzazione di un programma integrato di interventi in applicazione di quanto disposto dall'articolo 9 della legge regionale n. 7 del 2011.

Cagliari, 30 luglio 2015