CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 485/A

INTERROGAZIONE SOLINAS Christian, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata consultazione delle associazioni di categoria del sistema camerale in occasione del rinnovo dell'organo di amministrazione della SOGAER Spa.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, "enti pubblici dotati di autonomia funzionale", svolgono "funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell'ambito delle economie locali" giusta le previsioni della legge 29 dicembre 1993, n. 580;
- la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Cagliari ha costituito nel 1990 la SOGAER Spa - titolare dal 2007 della concessione quarantennale per la gestione dell'Aeroporto "Mario Mameli" di Cagliari/Elmas - della quale è tuttora azionista per il 94,353 per cento del capitale;
- con proprio decreto n. 74 del 25 giugno 2015 il Presidente della Regione ha sciolto il consiglio camerale, nominando contestualmente la prof.ssa Paola Piras quale commissario straordinario fino all'insediamento degli organi ordinari a norma di legge;
- a tenore dell'articolo 5, comma 4, della richiamata legge n. 580 del 1993, il commissario straordinario "entro e non oltre centoventi giorni dalla data di emanazione del decreto di nomina [...] avvia le procedure per il rinnovo del consiglio camerale, pena la decadenza dall'incarico";
- la lettera della norma delinea chiaramente l'eccezionalità della gestione commissariale, alla quale è affidato principalmente il compito di ripristinare entro termini cogenti - pena la sua stessa decadenza - il fisiologico assetto di governo della Camera di commercio, senza lasciare spazio ad un riconoscimento in capo al commissario di poteri discrezionali e/o di straordinaria amministrazione, posta la particolare natura dell'ente, nel quale - oltre le funzioni pubblicistiche proprie - trovano sintesi gli interessi categoriali legislativamente protetti;
- informalmente è venuto a conoscenza del fatto che in data 12 agosto 2015 il commissario straordinario della Camera di commercio di Cagliari avrebbe provveduto, nell'esercizio dei diritti sociali a quest'ultima spettanti nell'assemblea degli azionisti, a nominare, tra l'altro, il nuovo consiglio di amministrazione della società controllata nelle persone di Gavino Pinna, Carlo Ibba e Francesca Romana Medda;
- sembrerebbe che le associazioni di categoria ed i corpi sociali che rappresentano la base consiliare e la stessa ragion d'essere della Camera di commercio non siano stati neppure sentiti in ordine alle designazioni di competenza nella SOGAER Spa,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per sapere:

1) se corrisponda al vero che il commissario straordinario della Camera di commercio di Cagliari, prof.ssa Paola Piras, abbia partecipato all'assemblea dei soci della SOGAER Spa del 12 agosto 2015 esercitando il potere discrezionale di scelta e nomina dei componenti il nuovo consiglio di amministrazione della società senza alcuna interlocuzione con le associazioni di categoria del sistema camerale;
2) in caso affermativo rispetto al primo quesito, se corrisponda al vero che i nominati siano i signori Gavino Pinna, Carlo Ibba e Francesca Romana Medda;
3) in caso affermativo rispetto al precedente quesito, se corrisponda al vero che il sig. Gavino Pinna altri non sia che il dott. Gavino Pinna, meglio noto come Gabor, stimato direttore generale della società finanziaria regionale SFIRS, figlio dell'indimenticato senatore del glorioso Partito comunista italiano Pietro Pinna e già collega - in qualità di Assessore al bilancio nella prima giunta comunale di Cagliari formata dal sindaco Massimo Zedda - della prof.ssa Paola Piras (allora vicesindaco e Assessore degli affari generali);
4) in caso affermativo rispetto al quesito sub 2), se corrisponda al vero che il sig. Carlo Ibba altri non sia che il prof. avv. Carlo Ibba, apprezzato docente di diritto commerciale presso il Dipartimento di scienze economiche e aziendali dell'Università di Sassari;
5) in caso affermativo rispetto al quesito sub 2), se corrisponda al vero che la sig.ra Francesca Romana Medda altri non sia che la prof. Francesca Romana Medda, nota ed accreditata docente di economia applicata presso la University College London (UCL), già professore di matematica economica e economia regionale alla London School of Economics e visiting professor all'Università di Chieti-Pescara e presso la University of Graz; la medesima prof. Francesca Romana Medda che, con deliberazione della Giunta regionale n. 36/6 del 18 settembre 2007, venne nominata nel consiglio di amministrazione dell'ARST Spa;
5) se i nominativi testé richiamati - tutti di ottime persone e rispettabili professionisti, dei quali il presente atto di sindacato ispettivo non pone in alcun modo in discussione il valore - siano stati liberamente scelti dal commissario della Camera di commercio ovvero siano stati in tutto o in parte (anche in considerazione del fatto che la Regione esprime comunque, ai sensi dell'articolo 15 dello statuto sociale, un componente del Consiglio di amministrazione) concordati con il Presidente della Regione;
6) se ritenga legittimo, o quanto meno opportuno, che la Regione, e per essa il commissario straordinario da Ella nominato con decreto n. 74 del 25 giugno 2015, si sostituisca alle fisiologiche dinamiche della rappresentanza delle associazioni di categoria nel sistema camerale operando scelte di carattere discrezionale sulle nomine ed occupando di conseguenza gli organi di amministrazione delle società controllate;
7) se ritenga legittimo, o quanto meno opportuno, che la Regione, socio di minoranza della SOGAER Spa con una quota dello 0,720 per cento, profittando della parentesi commissariale, esprima il 100 per cento del consiglio di amministrazione, così stravolgendo il reale peso degli azionisti;
8) se non ritenga che tale condotta concorra a consolidare anche nell'opinione pubblica l'idea di un'operazione di "lottizzazione morbida" dei posti di potere perpetrata non più dalla tanto vituperata politica, ma dalla costituenda (o forse costituita) consorteria accademica che di questi tempi ne supplisce l'assenza nella gestione della cosa pubblica.

Cagliari, 13 agosto 2015